Protezione civile, Borrelli: ‘Pronto nuovo sistema allertamento’ VIDEO

Il capo della Protezione civile nazionale: "Al via il prossimo anno, ottimizzata l'organizzazione delle Prefetture". Sui recenti terremoti in regione: 'Nulla di particolare, eventi normali' 

Più informazioni su


     “Il nuovo sistema di sistema di allertamento nazionale della popolazione è ormai realtà ed entrerà in funzione a partire dall’anno prossimo”. Lo ha detto il Capo del dipartimento della Protezione civile Angelo Borrelli a Catanzaro parlando con i giornalisti a margine di un vertice operativo per illustrare il documento di rivisitazione dei Centri operativi misti nei contesti territoriali.

    “Oggi siamo qui – ha aggiunto Borrelli – per presentare la nuova organizzazione della macchina della Protezione civile in questo territorio. Abbiamo ottimizzato l’organizzazione delle Prefetture e stiamo lavorando sia per ottimizzare la gestione delle emergenze sia per prevenirle. Infatti, da un lato ci organizziamo per gestire gli eventi emergenziali e calamitosi sul territorio e dall’altro per prevenirli con un sistema di allertamento”.

    In Calabria, almeno per quanto concerne i contesti territoriali, si sta lavorando bene. Recentemente sono stato al raduno regionale del volontariato di Protezione civile e devo dire che c’è una grande sinergia tra l’Amministrazione regionale, i Prefetti e il territorio”. Ha detto ancora  Borrelli al vertice con i prefetti della regione, i responsabili delle forze dell’ordine, dei Vigili del fuoco, della Protezione civile regionale, i rappresentanti di Upi, Anci e dell’Ordine regionale dei giornalisti. “Sono convinto – ha aggiunto Borrelli – che si stia facendo un buon lavoro. Bisogna proseguire su questo terreno e soprattutto prepararsi perché solo così si potrà affrontare, spero mai, una situazione di emergenza su questo territorio”.

    “Le criticità che riguardano questa regione – ha detto ancora il Capo del Dipartimento nazionale della Protezione civile – sono legate ai rischi. Non possiamo dimenticare che la Calabria è una delle aree più sismiche del nostro Paese, da qui la qualità del costruito.

    C’è poi la questione del dissesto idrogeologico con la caratteristica delle fiumare di questo territorio particolare che un po’ richiama quello della Liguria. Ci sono delle realtà del nostro Paese, come avete visto anche lo scorso anno con quello che è successo nelle Gole del Raganello, esposte a rischio e per questo dobbiamo lavorare tutti quanti per adottare anche corretti comportamenti anche da parte dei cittadini. E’ importante conoscere le condizioni di rischio e il livello di fragilità delle abitazioni e delle strutture in cui si vive magari investendo per mettere in sicurezza questo patrimonio”.

    TERREMOTI IN CALABRIA, ‘NULLA DI PARTICOLARE’

    “Gli eventi sismici che si sono registrati al largo della costa calabrese sono eventi naturali che riguardano faglie molto profonde, sui quali anche io mi sono interrogato. Dalle informazioni che ci vengono date dalla comunità scientifica si tratta di eventi normali, nulla di particolare”. E’ quanto ha affermato invece il Capo dipartimento della Protezione civile nazionale in riferimento alle scosse che si sono registrate nelle ultime settimane in diverse zone della regione e che hanno destato preoccupazione nella popolazione.

    “Bisogna fare prevenzione – ha aggiunto Borrelli – e adottare misure di autoprotezione restituendo ai cittadini le necessarie informazioni. E il modo più semplice, secondo noi, è utilizzare gli strumenti elettronici come gli smartphone che tutti abbiamo nelle nostre tasche. In Calabria – ha detto ancora Borrelli – mi risulta che sia stato fatto un gran lavoro per le scuole da parte della Regione. Si è investito molto e ovviamente tutto ciò che non è sicuro va migliorato e adeguato sotto il profilo sismico”.

    MALTEMPO: CON PROTEGGI ITALIA GRANDE SFORZO DEL GOVERNO

     “Il Governo ha approvato un piano che si chiama ‘Proteggi Italia’ nell’ambito del quale anche la Calabria ha avuto cospicui investimenti per mettere in sicurezza il territorio dopo gli eventi alluvionali dell’ottobre e novembre 2018. C’è un grande sforzo da parte del Governo”. Lo ha detto il Capo del Dipartimento della Protezione civile, Angelo Borrelli a Catanzaro. “Queste risorse – ha aggiunto Borrelli – le sta gestendo il sistema di protezione civile e io sono fiero del fatto che tutte le Regioni abbiano fatto la loro parte, compresa la Calabria”

     

    Più informazioni su