Chiusura oasi canina, se n’è discusso in commissione politiche sociali

La riunione della commissione, richiesta con urgenza dal consigliere comunale Gianmichele Bosco, è servita a conoscere le intenzioni dell’amministrazione in merito alla problematica e a individuare la soluzioni finalizzate a una nuova collocazione degli animali momentaneamente alloggiati nell’oasi canina di Gioia Tauro.

Più informazioni su


    La commissione Politiche sociale, presieduta da Manuela Costanzo, si è riunita, alla presenza dell’amministratore unico della Catanzaro servizi, Ivano Marino, per discutere della problematica relativa alla chiusura, decisa dall’Asp di Reggio, dell’oasi canina di Gioia Tauro, gestita da “Metauria”. Nella struttura reggina, infatti, hanno trovato fino a questo momento alloggio anche 66 cani di proprietà del Comune di Catanzaro.

    La riunione della commissione, richiesta con urgenza dal consigliere comunale Gianmichele Bosco, è servita a conoscere le intenzioni dell’amministrazione in merito alla problematica e a individuare la soluzioni finalizzate a una nuova collocazione degli animali momentaneamente alloggiati nell’oasi canina di Gioia Tauro.

    La commissione ha sottolineato la necessità che gli stessi animali non vengano trasferiti nell’oasi canina di Sant’Ilario (“come appreso dalla stampa, non è nelle condizioni di ospitare altri 66 cani”, è stato affermato nella riunione). L’amministratore unico della Catanzaro servizi, dopo l’ampia esposizione dei fatti, ha riferito di impegnarsi in tutti i modi per scongiurare il trasferimento dei cani a Sant’Ilario, di aver sollecitato vari organismi e associazioni, e di avere attuato tutte le procedure possibili per riportare i cani nel territorio di Catanzaro.

    Più informazioni su