Nuovi approcci per prevenzione e controllo dell’antibiotico-resistenza

Il tema di un convegno SItl

Più informazioni su


    La Sezione Calabria della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) organizza il Convegno “Nuovi approcci per la prevenzione e il controllo dell’antibiotico-resistenza” che si terrà presso l’Università degli Studi di Catanzaro “Magna Græcia” il 26 novembre prossimo. Il convegno si svolge a ridosso della Settimana Mondiale della consapevolezza sull’uso degli antibiotici promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ed è patrocinato dall’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri e dall’Ordine dei Veterinari della provincia di Catanzaro e da numerose Società Scientifiche. Obiettivo del Convegno è realizzare un importante momento di confronto scientifico per condividere e confrontare le rispettive conoscenze, esperienze e professionalità sul tema della prevenzione e del controllo delle infezioni sostenute da microrganismi multi-antibiotico resistenti (MDR). Un tema, questo, che rappresenta in tutto il mondo una vera emergenza per la salute pubblica.

    Gli alti livelli di resistenza agli antibiotici oggi riscontrati sono il risultato di un uso eccessivo nell’impiego di antibiotici in medicina umana, negli animali e nelle colture, così come della diffusione di residui di questi farmaci nel suolo, nelle coltivazioni e nell’acqua, ma anche dell’incompleta applicazione di misure efficaci per interrompere la trasmissione di infezioni da microrganismi MDR. Non deve essere trascurato, inoltre, che gli studi per ricercare e sviluppare nuovi antibiotici sono pochi e non molto incoraggianti e le prospettive di una disponibilità di antibiotici efficaci nel futuro non sono rosee. La sorveglianza epidemiologica delle infezioni sostenute da microrganismi MDR promossa dal Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle malattie ha evidenziato che l’Italia, fra gli Stati membri dell’Unione Europea, detiene il triste primato della mortalità per infezioni da microrganismi antibiotico-resistenti. Il Piano Nazionale di Contrasto all’antimicrobico-resistenza emanato dal Ministero della Salute prevede il contributo di tutti i professionisti per fronteggiare una problematica multifattoriale e multidisciplinare, oltre a richiedere l’impegno attivo dei programmatori regionali, delle aziende sanitarie e farmaceutiche, degli operatori sanitari a tutti i livelli, ma anche dei singoli cittadini che troppo spesso assumono antibiotici senza prescrizione del medico e per la cura di infezioni virali per cui gli antibiotici sono inefficaci. Le relazioni saranno tenute da accademici e professionisti sanitari non solo della Prevenzione ma di tutte le discipline coinvolte nella gestione del fenomeno, nella convinzione che l’approccio al problema sia da effettuarsi in modo interdisciplinare e interculturale, condividendo le strategie in un’ottica “One Health”. L’evento è organizzato dalla segreteria organizzativa INNOVAFORMEZ srl Ref Concetta Procopio ed Elena Staglianò

    Più informazioni su