Tuffo di Capodanno 2020: tutto pronto per la dodicesima edizione

La dedica quest'anno è per il giovane sportivo Sergio Mirante. 'Amiamoci' il messaggio stampato sulle magliette

Più informazioni su


Da quando un piccolo gruppo di amici ha deciso di salutare il nuovo anno con un tuffo nel mare di Catanzaro di anni ne sono passati tanti. Dodici per la precisione. E di anno in anno a quell’appuntamento del primo dell’anno si sono aggiunte tante persone, facendo di quel quasi intimo momento tra amici, unitisi poi nell’associazione ‘Calabria un mare d’amore‘, una vera e propria tradizione condivisa con tutta la città.  E per l’appunto, come da tradizione, anche quest’anno Catanzaro saluterà l’arrivo del nuovo anno con il tuffo di Capodanno, un appuntamento festoso ma anche un momento di riflessione, fissato sul lungomare cittadino – nei pressi di piazza Brindisi, per le ore 11.45.

La particolarità del tuffo catanzarese è quella di non essere un semplice gesto goliardico per sfidare le acque gelide del mare d’inverno, ma quello di poter essere riempito di un grande messaggio, di un significato profondo: “Come ogni anno il nostro tuffo avrà una dedica speciale – dicono dall’associazione – sarà l’amore l’elemento predominante nella nuova edizione del tuffo, dedicato a Sergio Mirante, giovane professionista e sportivo catanzarese scomparso poco tempo fa.”

‘Amiamoci’ è la frase che racchiude meglio il pensiero che Sergio aveva per la vita e con questa frase, stampata sulle magliette, vicino al logo stilizzato della Calabria e al volto di Sergio, i partecipanti si tufferanno mano per la mano, in una grande catena d’amore. Abbracceranno così Sergio, e insieme a lui tutti i calabresi, riflettendo sugli accadimenti dell’anno appena trascorso e guardando al nuovo anno con positività e condivisione. “Ognuno come sempre potrà poi dedicare il proprio tuffo a ciò che ha di più caro – proseguono – e non mancherà un pensiero per la nostra bella regione che ha un enorme potenziale per crescere e migliorarsi.”

Al tuffo 2020 sarà presente anche l’Ente Nazionale Sordomuti con circa 10 partecipanti e prima del segnale di partenza ci sarà un momento di preghiera insieme ai Frati Minori Conventuali della Parrocchia Sacro Cuore. Come tutti gli anni attraverso l’iniziativa verranno raccolte derrate alimentari che saranno consegnate alla mensa per i poveri della parrocchia di Madonna di Pompei. Tra tradizione, amore, condivisione e solidarietà è quindi tutto pronto per accogliere al meglio il 2020 con un appuntamento a cui sono tutti invitati a partecipare, nessuno è escluso!

Maria Teresa Rotundo

Più informazioni su