Quantcast

Percorsi di educazione alla legalità al Liceo di Sersale

Incontrati i genitori di Celestino Fava

Più informazioni su


    Percorsi di educazione alla legalità nelle scuole: il liceo scientifico di Sersale predilige  strade poco battute. E non si accontenta di frasi fatte o di informazioni di seconda mano.Gli studenti dell’unica scuola superiore della presila catanzarese, dirigente Rosetta Falbo, hanno incontrato presso sala consiliare del Municipio, nella mattinata di ieri sabato 11 marzo, i genitori di Celestino Fava.

    Chi è?

    Un ragazzo della provincia di Reggio Calabria, ucciso a Palizzi marina il 26 novembre 1996. Aveva soli 22 anni e gli assassini non hanno ancora un volto: nessuno ha visto, nessuna parla. Una vita spezzata sul più bello, vittima innocente della criminalità organizzata. Per mamma Anna e papà Antonio non è facile parlare di quanto accaduto al loro caro figlio, ma lo fanno per trasformare il dolore in impegno, per far sì che una storia individuale diventi una storia di tutti.

    Hanno detto all’unisono e dinanzi agli alunni del biennio e della classe terza: “ Sentire ancora il nome di nostro figlio è per noi importante. Non ci fosse stata Libera di Celestino non si sarebbe più parlato. Andiamo nelle scuole per far sì che storie così non accadano piu’. Felici di aver conosciuto Don Luigi Ciotti e di conoscere Sergio Mattarella a Locri.” I genitori di Celestino erano accompagnati dalla signora Rita, zia di Celestino, e dalla studentessa Deienira che ha parlato dell’importanza dell’associazione Libera. Nulla era improvvisato perché l’iniziativa rientra negli incontri  propedeutici al 21 marzo, giorno della XXII giornata della memoria e dell’impegno, promossa da Libera, associazione di  nomi e numeri contro le mafie.

    La scuola superiore di Sersale ci sarà a Locri e collabora con l’associazione fondata da Don Luigi Ciotti per scavare un solco tra le nuove generazioni e le mafie, mantenendo le distanze   con la memoria, le testimonianze, la cultura, i buoni esempi e la cittadinanza attiva.

     

    Enzo Bubbo

     

     

    Più informazioni su