Quantcast

Catanzaro, neonato con il Covid: la mamma ringrazia il personale del Pugliese

"Grazie a tutti per l'affetto e l'assistenza. Agli infermieri ai medici: avete salvato mio figlio che aveva un pneumotorace"

Ti alzi una mattina qualunque avverti che c’è qualcosa che nn va, vedi i tuoi figli che nn stanno bene ti poni mille domande e tra le tante: e un semplice raffreddore? oppure quella brutta bestia che ormai ci perseguita invisibilmente da tempo, con la paura che possa colpire anche te? Ed è proprio così, vedo la sofferenza dei miei tre figli, Manuel 7 anni, Kevin 5 anni, e Matteo 46 giorni di vita appena. Mi appresto ad eseguire tamponi rapidi, mentre aspetto il risultato le mie gambe e quelle di mio marito tremano dalla paura, poco dopo purtroppo il risultato dà esito positivo al covid-19, non solo i miei figli positivi, ma anche mio marito ed il resto della mia famiglia. Tutti positivi, tranne me.

Prego il Signore di riuscire ad affrontare tutto ciò, mi accorgo che le condizioni del piccolo Matteo non erano buone mi affretto per portarlo in ospedale da lì si attiva tutto l’iter, mi ricoverano insieme al bambino vengono eseguiti tutti gli esami tra questi  un rx- torace, appena qualche ora dopo a mezzanotte mi ritrovo circondata da medici: anestesista, chirurgo pediatrico e chirurgo toracico che mi spiegano che l’esito del torace non era buono aveva un pneumotorace, non c’era tempo per pensare visto il rischio che il polmone potesse collassare, andava drenato. Mi hanno spiegato anche tutti i rischi. I miei occhi si riempiono di lacrime, mi rivolgo al Signore e prego che il bambino possa ritornare sano e salvo dalla sala operatoria tra le mie braccia e cosi é stato. Mi affretto a chiamare a casa la mia famiglia, poiché tutti positivi nessuno può venire a darmi conforto. Mio marito e gli altri due nostri figli nella disperazione.

Ringrazio la tempestività del radiologo Siciliano, del pediatra Felice Citriniti che visto la situazione drammatica ha allertato tempestivamente tutti. Ringrazio i medici anestesisti Severelli, il dott Alessi, il chirurgo pediatrico Stranieri, il chirurgo toracico Perrone, gli infermieri Gabriele Ferraro, Vincenzo Paone, Giovanbattista Gentile, ringrazio il personale di malattie infettive covid, medicina covid, rianimazione covid, ringrazio tutto il personale del pronto soccorso tra cui medici, infermieri, OSS per tutte le telefonate di conforto, i colleghi e responsabili dell’azienda coop service tra l’altro l’azienda per la quale lavoro per la loro vicinanza stima supporto affetto ringrazio Luciana Posella, i medici e tecnici della radiologia, ringrazio i dipendenti dei vari reparti e laboratori per tutte le telefonate, tutti i nostri amici conoscenti parenti per le telefonate messaggi, ma soprattutto per gli alimenti di prima necessità e medicine lasciati sul gradino della porta e per aver pensato ai miei piccoli, e per tutto quello che mi avete recapitato in ospedale durante la degenza a me ed al mio piccolino“.