Arte, al Marca il critico Germano Celant

Si soffermerà sulla figura di Savelli. Appuntamento per giovedì

Più informazioni su


     

    E’ previsto per giovedì 28 alle ore 18 l’incontro al MARCA con Germano Celant, figura di primo piano nel panorama italiano dell’arte contemporanea, e critico d’arte tra i più importanti e apprezzati a livello internazionale. Celant, anche attraverso un  filmato realizzato dalla RAI, si soffermerà sulla figura di Savelli e sul suo rapporto con l’arte americana del dopoguerra. E’ proprio in  America infatti che Savelli visse a lungo e conobbe la sua consacrazione artistica, ampliando il campo delle sue relazioni: ai rapporti con Afro, Lucio Fontana, Salvatore Scarpitta e Piero Dorazio, fece seguito infatti un dialogo profondo e proficuo con i maestri americani tra cui Barnett Newman e Ad Reinhardt, mentre Robert Motherwell propose il suo nome per il prestigioso premio dell’American Academy and Institute of Arts and Letters.

    Trasferitosi nel 1954 a New York, l’anno successivo realizza la sua prima personale nella sede della galleria The Contemporaries. Nel 1957 partecipa a una collettiva da Leo Castelli che nel 1958 ospita una sua personale. Il grande gallerista della pop art, che porterà al successo artisti quali Andy Warhol e Ro y Lichtenstein, offre un contratto a Savelli che lo rifiuta non ritenendo che la linea estetica del mercante italo- americano fosse coerente con il suo lavoro. Secondo Wanda Ferro, Presidente della Provincia di Catanzaro: “La presenza di Germano Celant e la sua testimonianza offrono un ulteriore contributo alla rivalutazione della statura artistica di Angelo Savelli che il MARCA ha avviato facendo luce non soltanto su un nostro conterraneo illustre e proprio in Calabria non abbastanza noto, ma soprattutto su un artista dalla dimensione internazionale, che insieme a Mimmo Rotella rappresenta l’espressione  più alta della creatività calabrese nei tempi moderni.”

    Germano Celant è autore di oltre cento pubblicazioni, tra libri e cataloghi, e curatore di centinaia di mostre nei maggiori musei ed istituzioni internazionali. Direttore della Fondazione Prada a Milano dal 1995, Celant è anche curatore della Fondazione Aldo Rossi a Milano, curatore della Fondazione Emilio e Annabianca Vedova a Venezia. È stato dal 1989 al 2008 Senior Curator per l’Arte Contemporanea al Solomon R. Guggenheim Museum a New York, direttore artistico della prima Biennale di Firenze nel 1996 e direttore della 47a Biennale di Venezia nel1997,  supervisore  artistico  di Genova 2004  –  Capitale  Europea della Cultura,  oltre che  di molte altre esposizioni. Contributing editor di lunga data di Artforum e Interview, Celant collabora regolarmente per L’Espresso e per Interni. Nel 1987 è stato insignito del Frank Jewett Mather Award, massimo riconoscimento americano per la critica d’arte.

    Più informazioni su