Ex Educandato, prende forma Museo dell’Accademia di Belle Arti (VIDEO)

Un itinerario turistico dei Musei della Regione attraverso l’arte contemporanea per promuovere e valorizzare il territorio


E’ questo l’obiettivo di Ceilings, il progetto presentato dall’Accademia di Belle Arti di Catanzaro in occasione del primo importante evento allestito nella nuova “casa” dell’ex Educandato. Un itinerario turistico dei Musei della Regione attraverso l’arte contemporanea per promuovere e valorizzare il territorio.

Lo storico edificio, riqualificato dall’amministrazione comunale e concesso all’istituto di alta formazione, ora ospita tra le sue sale alcune delle tele e delle opere che sono parte integrante del patrimonio dell’Accademia e che vanno ad arricchire il percorso museale del Capoluogo. Un luogo di eccellenza che anche il presidente della Regione, Mario Oliverio, ha inteso visitare sottolineando il buon lavoro fatto con l’impegno di dare nuova linfa al centro storico.  

Il sindaco Sergio Abramo, nel prendere la parola durante la presentazione, ha sottolineato la volontà di allargare la rete dei musei del territorio catanzarese anticipando le prossime tappe: “Abbiamo l’intenzione di arricchire la collezione del museo archeologico e numismatico con nuovi reperti, mentre presto consegneremo alla città nuovi contenitori culturali nel cuore centro storico come gli edifici della Stella e di vico Carbone. In questi anni sono state tante le occasioni di collaborazione con l’Accademia, vogliamo continuare su questa direzione lavorando, al contempo, alla creazione del Polo delle Arti che vedrà il Capoluogo candidarsi al bando del Ministero, forte del proprio ruolo di faro culturale a livello regionale”. 

Il presidente dell’Accademia, Giuseppe Soriero, ha quindi rimarcato la forte sinergia instaurata con l’amministrazione sfociata con l’apertura del primo nucleo di un museo permanente nell’ambito delle attività di alta formazione artistica. Alla curatrice Simona Caramia è stato, invece, affidato il compito di illustrare i dettagli della seconda edizione di Ceilings che vedrà protagonisti professionalità di chiara fama in un percorso sinergico con enti pubblici e privati di rilevanza nazionale ed internazionale. Il progetto è stato sostenuto dalla Regione Calabria, nell’ambito dei bandi destinati agli eventi culturali su cui l’assessore Maria Francesca Corigliano ha sottolineato “la volontà di destinare ingenti risorse anche al catalogo dell’alta formazione universitaria e al recupero dei musei anche attraverso le nuove tecnologie”.

Grazie all’accordo di valorizzazione con il Polo Museale della Calabria, rappresentato dalla direttrice Antonella Cucciniello, il progetto dell’Accademia contribuirà a “portare attraverso l’arte contemporanea un segno vivo e attuale rispetto a ciò che è storicizzato, fungendo da incubatore tra passato e futuro”. Le attività coinvolgeranno durante l’intero anno il Museo delle Reali Ferriere di Mongiana, il Parco e Museo Archeologico di Scolacium di Borgia, il Museo Archeologico Nazionale di Locri, il Museo Archeologico Nazionale di Capo Colonna e gli artisti Gea Casolaro, Andrea Chiesi, Michele Giangrande, Andreco. Per il direttore dell’Accademia, Vittorio Politano, “affinchè le visioni possano diventare concrete servono dei visionari. I nostri docenti e studenti, orgogliosi delle proprie radici, sono in grado sicuramente di reggere il confronto con tutte le accademie storiche”.

Nel programma di Ceilings anche un calendario di seminari sul ruolo dei musei e sul tema complesso del paesaggio e di workshop incentrati sull’esperienza laboratoriale e il confronto diretto con la pratica. E ancora i “contrappunti visivi” a cura di Giovanni Carpanzano, una serie di audiovisivi che racconteranno i due anni di vita del progetto dando voce al territorio, e le “utopie” che vedranno al centro le microstorie dei giovani talenti Tania Bellini, Giuseppe Ferrise, Tommaso Palaia e Ilenia Pasqua.

D. I.