Quantcast

Il “Museo diffuso d’arte contemporanea” di Altrove tra i 37 progetti approvati da Mibact

Un programma di attività multidisciplinari, inclusive e collaborative per realizzare servizi legati allo sviluppo di una cittadinanza attiva e consapevole

Più informazioni su

Spazio Altrove – Museo diffuso d’arte contemporanea è tra i progetti vincitori della terza edizione di “Creative Living Lab”, Il bando promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo rivolto a sostenere progetti di rigenerazione urbana che operino attraverso attività culturali e creative.

Spazio Altrove – Museo diffuso d’arte contemporanea è un progetto di valorizzazione e promozione territoriale pensato per la città di Catanzaro che vuole mettere a sistema i primi otto anni di lavoro di Altrove in città con la collaborazione di esperti, artisti e dell’Assessorato alla Cultura di Catanzaro guidato da Ivan Cardamone, partner istituzionale del progetto. L’obiettivo è quello di portare gli spazi culturali all’aperto ad ottenere il giusto riconoscimento e impatto in un’ottica di valorizzazione territoriale di tutta la città e l’istituzione e la promozione del Museo diffuso della città.

Attraverso un programma di attività multidisciplinari, inclusive e collaborative, il progetto prevede la realizzazione di servizi legati allo sviluppo di una cittadinanza attiva e consapevole che sappia mettere a sistema le risorse presenti sul territorio utilizzando la creazione e la promozione del Museo diffuso della città come mezzo per innescare meccanismi virtuosi.

“Siamo orgogliosi di essere riusciti ad attrarre risorse e attenzioni positive sul territorio. Essere nei 37 progetti selezionati dal Ministero su oltre 1500 progetti presentati è un traguardo importante, per noi e per tutta la città di Catanzaro” – afferma Vincenzo Costantino co-fondatore di Altrove. “Questo progetto ci permetterà di valorizzare quanto creato negli anni e realizzare le attività finali per la definizione di un vero e proprio Museo diffuso di Arte Contemporanea”.

Più informazioni su