Quantcast

“MigraMenti. SPAc”, sei le residenze artistiche che saranno ospitate quest’anno dal progetto ideato e promosso da Teatro Del Carro foto

Il calendario delle attività di MigraMenti affianca alle residenze anche il Polo di formazione permanente residenziale SPAc

Sono ben 6 le compagnie che si sono aggiudicate il bando per le residenze artistiche del progetto “MigraMenti. SPAc (Studies on Performing and Acting)”. Anche per il 2021 infatti “Teatro del Carro – Pino Michienzi”, ideatore e promotore del progetto sostenuto da Regione Calabria e Mibact, offre ospitalità in residenza, dando a giovani artisti e compagnie professionali di teatro e danza un sostegno economico e un tutoraggio artistico, organizzativo, tecnico, in modo da favorire lo sviluppo di nuove idee progettuali artistiche e drammaturgiche, che partendo da Sud diffondono i propri benefici effetti creativi ed economici sia sul territorio regionale che su quello nazionale.  Nelle quattro sezioni previste dal bando, ad aggiudicarsi la residenza sono stati per gli “Under 35”, “Amanda”, proposto, sviluppato e realizzato da Francesco e Antonella Carchidi, il primo alla regia, la seconda come interprete, con musiche di Remo De Vico, la supervisione alla regia di Maria Grazia Teramo e Francesco Aiello; per la categoria “Emergente” ha vinto il collettivo Effe con “Desiderantes”, con Giulia Odetto alla regia, Antonio Careddu alla drammaturgia, Lorenzo Abattoiral suono. Per la “Danza” due sono state le compagini che si sono assicurate altrettante residenze: si tratta di “Canto ostinato” di Lucia Sauro con coreografie e performance di Delfina Stella, con Walter Laureti al suono, e di “Esplodere a colori” di Carlos Molina per la danza e Lucia Guarino per la supervisione alla coreografia e drammaturgia. La categoria “Sentieri” ha attribuito altre due residenze a “Femminile plurale. Le donne nell’epoca della metamorfosi rappresentativa” della performer Chiara Scolastica Mosciatti, affiancata dal musicista Antonio Petitto, e “Odissea nello spazio”, del drammaturgo e regista Saverio Tavano. Le residenze, la cui durata minima è di 15 giorni, potranno contare di più sedi per lo svolgimento: il Teatro Comunale di Badolato, il Politeama di Catanzaro, il Grillo di Soverato, e la sede del Teatro del Carro a Montepaone. Oltre alla messa a disposizione degli spazi per il periodo di lavoro, insieme alle attrezzature tecniche necessarie e al personale tecnico, le residenze godono, come si diceva, anche di tutor artistici, amministrativi e tecnici, 8 le figure in totale, messi a disposizione da MigraMenti che si alternano in base alla richiesta dell’artista o della compagnia.

Il calendario delle attività di MigraMenti affianca alle residenze anche il Polo di formazione permanente residenziale SPAc con lezioni su recitazione e performance condotte dai componenti del Carro e da altri importanti professionisti del settore, dal titolo “Quarta parete”, “Home|Walk” attività rivolte a bambine e bambini dai 7 agli 14 anni, e “Verbale, non verbale” attività multidisciplinare e interdisciplinare rivolte a giovani e studenti, in collaborazione con alcune scuole del territorio, tra cui l’ ITT Malafarina di Soverato, l’ IC Campanella di Badolato e l’ IIS Ferrari di Chiaravalle C.le; oltre, infine, alla rassegna di autori, artisti e compagnie e di drammaturgia contemporanea, “Sentieri calabresi”, che ha visto un’ampia e intensa programmazione in spazi all’aperto del territorio residenziale nel periodo estivo appena trascorso.