Quantcast

L’Odissea Museum e il mito di Ulisse da Catanzaro sbarcano a Palermo foto

Con la direzione artistica di Sergio Basile, in mostra anche la copia del “Laocoonte” dei Musei Vaticani realizzata in esclusiva in Calabria

Sulla scia dell’Odissea Museum di Catanzaro, il primo museo italiano dedicato interamente al viaggio di Ulisse tra Magna Grecia, Trinacria e Mediterraneo, il grande mito di Ulisse rivive anche in Sicilia con un grande evento espositivo che sarà inaugurato oggi, sabato 9 aprile, al Palazzo Bonocore di Palermo. “I Segreti di Ulisse tra Magna Graecia e Trinacria” saranno al centro della prossima tappa promossa dalla Rete Museale Regionale calabrese, con la direzione artistica di Sergio Basile. L’Odissea Museum è ispirato al mito dell’itinerario di Ulisse verso Itaca, dalla terra dei Feaci, e propone un percorso artistico-museale esplicativo e completo su tutti i personaggi del poema descritti in oltre 100 pannelli. Statue, colonne, vasi, gioielli, armi, bassorilievi e opere d’arte pittorica e non, aiutano ad approfondire un percorso museale che diventa un vero e proprio viaggio alla riscoperta dell’identità della Magna Graecia.

L’evento di Palermo segna un gemellaggio storico fondamentale tra Calabria e Sicilia nella comune volontà di valorizzare i rispettivi ambiti territoriali in chiave turistica, ripartendo proprio dall’Odissea, il poema epico più famoso di tutti i tempi, che vede nelle regioni dello Stretto il suo teatro naturale.
Tra le opere esposte, realizzate in Calabria, trova spazio l’unica copia nel Sud Italia del “Laocoonte” dei Musei Vaticani – oltre 2 metri di altezza – emblema della vicenda omerica e punto di contatto tra Iliade e Odissea, tra le statue più famose, apprezzate e straordinarie della storia, nonché il modello di riferimento essenziale per gli artisti rinascimentali e per il Barocco.

Un contributo in esclusiva presso l’Odissea Museum, in collaborazione con la grande e prestigiosa Accademia di Carrara, con il supporto di Elmar Giacummo, e lo straordinario lavoro di Francesco Cimino, docente dell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro. Progetto reso possibile grazie al sostegno di Edison Spa che ha riconosciuto il valore artistico e culturale dell’iniziativa anche come opportunità di crescita e di promozione del territorio. Un percorso già sposato anche dall’Assessore al Turismo della Regione Calabria, Fausto Orsomarso, che ha individuato nel mito di Ulisse uno dei principali Marcatori Identitari Distintivi della Calabria su cui investire.
La mostra di Palermo sarà arricchita anche da un omaggio all’antica oreficeria nella Magna Grecia, con riproduzioni di gioielli che traggono spunto da antichi lavori di maestri orafi egizi, cretesi, achei e magnogreci, rivisitati da Michele Affidato, ambasciatore nazionale Unicef. La collezione aiuterà il visitatore ad immergersi ancor di più nel tempo e nelle ambientazioni tipiche degli antichi eroi omerici, investigandone usi e costumi.