Quantcast

Taverna, il museo civico esporta bellezza: due opere esposte a Siena

Le opere in prestito sono "Dafnae" e "Coppia danzante" e, da alcuni giorni, è possibile ammirarle al Museo di Santa Maria della Scala

Non prendono polvere le opere del museo Civico di Taverna. Due creazioni di Ercole Drei rubano lo sguardo in terra Toscana. È uno dei tanti scambi sul piano artistico.
Le opere in prestito sono ” Dafnae” e “Coppia danzante” e, da alcuni giorni, è possibile ammirarle al Museo di Santa Maria della Scala a Siena dove è stata inaugurata la mostra “L’ombra della giovinezza – Federigo Tozzi e le arti figurative”.

L’esposizione, curata da Riccardo Castellana, Michelina Simona Eremita e Luca Quattrocchi, espone una selezione dell’opera degli artisti che Tozzi conosceva e apprezzava, tra cui lo scultore Ercole Drei (Faenza 1886-Roma 1973) al quale è stata dedicata la sala che conclude il suggestivo percorso di visita della mostra.

Nella stessa sala si potranno ammirare fino al 20 luglio 2022 la “Dafnae” del 1914 e la “Coppia danzante” del 1919, due tra le più importanti opere dell’artista faentino, facenti parte della donazione Lia Drei e Francesco Guerrieri, concesse in prestito dal Museo Civico di Taverna che conferma la sua principale mission di presidio per l’arte in Calabria, volto alla tutela, conservazione e valorizzazione degli artisti del Novecento che lo hanno scelto come luogo privilegiato ove documentare la loro riconosciuta parabola vitale e creativa.
Soddisfazione è stata espressa dal direttore del museo Giuseppe Valentino e dal primo cittadino tavernese Sebastiano Tarantino, impegnati a fare del museo una fucina di idee e di ideali.