Quantcast

Katia Tour 2022, al via da sabato il nuovo progetto musicale di Caterina Oliverio

Il tour partirà da Portigliola, nella locride, nell’anfiteatro romano in occasione del terzo motoraduno “Magna Grecia Locri”

Più informazioni su

Sabato prossimo prenderà il via il “Katia Tour 2022”, il nuovo progetto musicale della cantante catanzarese Caterina Oliverio accompagnata dalla sua band composta da altri quattro ragazzi che lavorano insieme da un paio d’anni, tutti uniti dalla stessa passione: Vincenzo Pupello alla tastiera, Matteo Caimi al basso, Vincenzo Buccinnà alla tastiera, mentre Francesco Sestito alla chitarra. Il tour partirà da Portigliola, nella locride, nell’anfiteatro romano in occasione del terzo motoraduno “Magna Grecia Locri”.

“I nostri live rappresentano un viaggio reso possibile da alcune delle più belle canzoni italiane ed internazionali, alcune delle quali rivisitate attraverso i nostri arrangiamenti”, afferma Katia. “Vi sono momenti in cui cercheremo di mostrare la nostra impronta pop rock ma non solo – prosegue la cantante -. Ma daremo spazio e voce anche alle emozioni, con brani pensati ad hoc, e non mancherà l’occasione per ballare tutti insieme”.

Uno dei momenti rimasti più impressi è stato il concerto della scorsa estate in Piazza Prefettura nell’ambito di “Catanzaro facciamo centro”, di fronte ad un pubblico che ha risposto presente, un momento che ha segnato la prima vera ripartenza dopo il lungo stop per l’emergenza covid. “L’augurio che ci facciamo è quello di poter vivere questa estate a pieno musicalmente e di potervi incontrare, conoscere e divertirci tutti nei locali e piazze della Calabria”, dichiara Caterina.

Tra i progetti musicali di Katia, si ricorda anche il brano “E ricominciare”, scritto da Marco Greco, che tratta il tema delicato della violenza sulle donne. Collaborazione proseguita poi con “Nuovi Eroi”, l’omaggio a tutti gli operatori impegnati nella lotta al Covid-19. Del 2021 è, invece, il brano “Venezia, l’altro giorno”, progetto musicale prodotto da Max Mungari che ha come autori Ernesto Casolari, poeta contemporaneo e Gianpaolo Lancellotti, storico batterista del gruppo ‘I Nomadi’.

Più informazioni su