Disinfezione e sanificazione degli ambienti di lavoro. L’azienda Pilò utilizza l’innovativo metodo all’ozono

La sanificazione è spesso considerata sinonimo di disinfezione, ma in alcuni casi si tratta di uno passo successivo

Per ridurre il rischio di contagiarsi col nuovo coronavirus SARS-CoV-2 sono ritenute particolarmente le pratiche di igiene personale, come il frequente lavaggio delle mani con acqua e sapone o con una soluzione disinfettante a base alcolica e d il droplet ovvero il distanziamento sociale. Ma nella lotta al COVID-19, è entrata in gioco anche la sanificazione degli ambienti, ovvero un processo di accurata disinfezione che punta a eliminare l’eventuale presenza del patogeno sulle superfici, sia all’interno dei locali che all’aperto.

La sanificazione è il passo successivo dopo la pulizia di un ambiente, che attraverso azioni meccaniche e prodotti detergenti prevede la rimozione dello sporco visibile ed evidente. A seguito del risciacquo dopo la pulizia si passa alla disinfezione vera e propria, basata sul rilascio di prodotti chimici (ma anche acqua bollente, vapori, etc) al fine di ridurre la presenza di agenti patogeni eventualmente presenti sulle superfici. Non si tratta di una sterilizzazione come nelle sale operatorie di un ospedale o nell’industria alimentare.

La sanificazione è spesso considerata sinonimo di disinfezione, ma in alcuni casi si tratta di uno passo successivo, nel quale vengono prese ulteriori misure al fine di rendere un ambiente ancora più sicuro per la presenza umana. In attuazione del Protocollo del 14 marzo 2020 per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro, l’azienda deve assicurare la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni e di svago. Deve, inoltre, essere garantita la pulizia a fine turno e la sanificazione periodica di tastiere, schermi touch, mouse, con adeguati detergenti, sia negli uffici, sia nei reparti produttivi.
La Pilò srl è un’azienda specializzata nei servizi di pulizia, disinfezione e bonifica di ambienti pubblici e privati. Operiamo principalmente nel settore pubblico in ambito nazionale. I nostri principali committenti sono: Agenzia dell’Entrate, Comuni (attualmente gestiamo il servizio di pulizia di tutte le sedi del Comune di Catanzaro), Università, Guardia di Finanza, Aeronautiche militari ecc. Possediamo tutte le certificazioni del settore (Iso9001:2015, Iso14001:2015, SA 8001, Iso 4500 ecc). Siamo iscritti sul sistema Dinamico e MEPA presso il sito istituzionale Consip di acquisti in rete per la PA. In questo periodo di grave emergenza sanitaria, proponiamo un servizio veloce e non invasivo (nessuna necessità di attuare preventivi spostamenti di mobilia) STERILIZZAZIONE AMBIENTALE. con metodo a base di ozono.

Il Ministero della Salute riconosce l’ozono come “presidio naturale per la sterilizzazione di ambienti contaminati da batteri, virus, spore, acari, muffe, etc.” (protocollo n° 24482 del 31/07/1996). L’ozono essendo un gas naturale possiede un forte potere disinfettante in grado di eliminare su moltissimi tipi di materiale o elemento d’arredo virus, acari, insetti, spore, muffe, sostanze chimiche dannose e persino fumo e odori. Questo succede perché, nel momento in cui l’ozono entra in contatto con della materia organica, si innesca una reazione di ossidazione; I microrganismi “viventi” vengono uccisi mentre le molecole degli odori sono trasformate in altre molecole innocue e prive di odore. L’ozono essendo un gas più leggero dell’aria è in grado di penetrare nelle fibre dei tessuti, anche nei punti più difficilmente raggiungibili, eliminando ogni genere di microrganismo. Questa naturalmente, per la sua veloce efficacia e sicurezza, è la metodologia consigliata per la lotta antimicrobica con funzioni di autentica profilassi virucida e battericida.

Una corretta disinfezione delle superfici dal COVID-19 è possibile solo attraverso metodologie, attrezzature e prodotti approvati dal Ministero della Salute. Si ricorda infine che per incentivare la sanificazione degli ambienti di lavoro, causa emergenza sanitaria da coronavirus, l’art.64 del Decreto Cura Italia ha disposto per il 2020, il riconoscimento di uno specifico credito d’imposta, a favore delle imprese e dei lavoratori autonomi, pari al 50% delle spese sostenute e documentate (fino ad un massimo di 20.000 euro) per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro, quale misura di contenimento del contagio dal virus COVID-19.
Siamo disponibili all’inoltro di preventivi gratuiti su vs richiesta.
Sul nostro sito, www.pilosrl.it potrete trovare tutte le altre informazioni di contatto.