Quantcast

Luigi Camporota, quel ragazzo di Via Buccarelli che oggi cura il primo ministro inglese

Il ricordo social dei catanzaresi che sono stati suoi compagni universitari

Più informazioni su

L’appartenenza è una cosa seria. Per quanto qualcuno cerchi di demonizzarla.

E l’orgoglio di appartenenza viene immediatamente fuori quando un catanzarese, in qualsiasi parte del mondo, si fa valere. Forse sarebbe stato meglio farlo valere prima, un orgoglio generazionale che sarebbe servito forse a creare una nuova classe dirigente che avrebbe potuto far grande questa città e che invece oggi porta lustro in ogni angolo del mondo, che però è molto lontano da qui. Ma tant’è. Il fatto che Luigi Camporota, medico luminare nel campo delle malattie dell’apparato respiratorio, faccia parte dello staff che ha in cura il premier Boris Johnson, ha fatto il giro dei social. E ovviamente della città.

I ricordi si moltiplicano. Dalle origini in “via Buccarelli”, fino agli studi condotti a Catanzaro, quando ancora l’università di medicina dipendeva da Reggio. E ancora l’appartenenza al gruppo dei giovani cattolici, alla candidatura alle elezioni universitarie, fino alle “mangiate” alla paninoteca il Gufo di Siano.

Ogni gruppo, ogni catanzarese, laureato in medicina e non di quella generazione, oggi parla di lui.

Un nome che magari a tanti era sconosciuto, un nome che per tanti significa amicizia e bei ricordi, un nome che qualcuno, magari di coloro i quali allora contavano, avrà letto e poi presto cestinato a favore di altri interessi.

Oggi Luigi Camporota entra nella lista dei catanzaresi doc che stanno rendendo grande il mondo. Non che chi è rimasto non abbia dato il suo contributo alla crescita della città. Anzi forse scegliere di rimanere è stato ancora più coraggioso del decidere di andarsene. Ma dopo l’orgoglio un pò di amarezza resta per le tante e troppe perdite che oggi creano dei vulnus.

Da qui il tifo per lui è grande, ma anche il rimpianto di aver lasciato andar via un altro pezzo importante di questa città.

(LA FOTO E’ STATA TRATTA DAL WEB E GIA’ PUBBLICATA DAL SITO STRETTO WEB)

 

 

 

Più informazioni su