Pugliese, il reparto di Anestesia e Rianimazione ringrazia per l’infinita solidarietà

In tanti si sono adoperati perché questo reparto potesse svolgere le proprie funzioni nel miglior modo possibile

La beneficenza si sa, è veramente tale, e realmente solidale, se non viene ostentata.

Tuttavia, il confine tra la beneficenza e  solidarietà è in realtà molto labile e, perché no, fluttuante asseconda dell’uso che se ne compie e dei vari momenti storici.

Ed è proprio in un periodo come quello in corso, che probabilmente cambierà il mondo, che ci consente di appellarci, dunque, all’evanescenza di questo limite, ritenendo  doveroso rendere pubblici i ringraziamenti di tutta l’U.O. di Anestesia e Rianimazione del Pugliese- Ciaccio, presidio Pugliese, di Catanzaro a tutti quei soggetti, molti dei quali privati, che in queste settimane si sono adoperati, ciascuno in ragione delle proprie possibilità, perché questo reparto potesse svolgere le proprie funzioni nel miglior modo possibile alleviando le preoccupazioni del personale e le pene dei pazienti veri fruitori dell’assistenza sanitaria.

Con l’auspicio di non dimenticare nessuno, giunga, dunque, un semplice ma sentito grazie All’unitalsi, All’associazione Italiana Ricerca Per La Lotta Contro Il Cancro, alla Federazione Italianamedici Pediatri, alla Farmacia San Francesco (Quartiere Corvo, Catanzaro) al Mulinum San Floro, alla Kalavri Pizzeria, alla Lanterna, ad “Assettati E Mangia”, a  Beer Burger, alle Famiglie Squillacioti-Sinopoli, Oliverio-Chirico, Lepera-Grano e La Banda Di AlicE (Cuturella di Cropani), il signor Gianfranco Barletta, il signor Francesco Sildenardo e in ultimo, ma non per ultima, la Paluani.

Nella consapevolezza che, seppur non ancora vinta questa guerra che ci vede impegnati contro il virus, abbiamo forse contribuito, tutti insieme, ad alimentare la speranza di un futuro migliore, di una società più umana e di un sentimento più solidale.

PRESIDIO OSPEDALE PUGLIESE DELL’U.O. DI ANESTESIA E RIANIMAZIONE PUGLIESE-CIACCIO DI CATANZARO