Quantcast

Il Tar ordina: “Zuccatelli, commissario al Policlinico, resti al suo posto”

Decisione dei giudici amministrativi sul ricorso presentato da De Sarro

E’ una sconfitta cautelare e non di merito quella subita dall’Università Magna Graecia e dal Rettore de Sarro nei confronti del Commissario Zuccatelli.

Il Tar della Calabria infatti ha emesso un’ordinanza e non una sentenza breve sulla vicenda ritenendo che “la nomina per limitato periodo transitorio dell’organo commissariale, effettuata ai sensi dell’art. 3 del d.l. n. 35/19 sulla base del curriculum, dell’ esperienza e competenza in organizzazione sanitaria ed in gestione aziendale, non risulta arrecare un danno tangibile all’Università per il solo difetto del suo placet, fatta salva ogni valutazione sul procedimento di formazione della necessaria intesa. Altresì che le strutture ospedaliere, e tra di esse l’Azienda ospedaliera universitaria “Mater Domini” di Catanzaro, sono strutture essenziali nella gestione dell’attuale situazione emergenziale per l’epidemia Covid 19 e nel suo superamento.  che interventi cautelari sui nominati organi di vertice, anche solo in termini di remand, possa pregiudicare il primario interesse pubblico alla salute, rispetto al quale è recessivo l’interesse della ricorrente non concretamente pregiudicato”

L’Universita’ degli Studi Magna Grecia di Catanzaro, rappresentata e difesa dagli avvocati Michele Bonetti e Santi Delia aveva presentato ricorso contro  il Ministero della Salute, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Commissario Ad Acta e Sub Commissario per Piano di Rientro dei Disavanzi, Presidenza del Consiglio dei Ministri, rappresentati e difesi dall’Avvocatura Distrettuale Catanzaro, per l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia, del decreto del 13 dicembre 2019 del Ministero della salute, pubblicato a seguito del visto di controllo della Corte dei Conti del 9 gennaio 2020 il 13 gennaio 2020 e comunicato all’Ateneo in pari data unitamente alla “comunicazione presa di servizio” del Commissario straordinario unico dell’ Ao Pugliese – Ciaccio e dell’ Aou Mater Domini di Catanzaro.