Commercianti incontrano Monsignor Bertolone: consegnano una chiave che rappresenta quella dei loro negozi foto

Il Vescovo rivolgendosi anche alle istituzioni: "L'economia ha bisogno di un grande sostegno morale e spirituale"

Una delegazione dei Comitato Commercianti e Artigiani Cz Uniti  è stata ricevuta questa mattina da S. E. Monsignor Vincenzo Bertolone. La delegazione ha consegnato simbolicamente al presule una chiave che simbolicamente rappresenta quella dei propri esercizi commerciali. Il Vescovo da parte sua, ha consegnato ai commercianti un vademecum redatto di proprio pugno di proposte da sottoporre al governo nazionale, regionale e a tutti gli organi di competenza. Diverse le proposte di Monsignor Bertolone di un aiuto concreto in un momento così delicato per una economia già disastrata e che ha sottolineato “bisognosa di un grande sostegno morale e spirituale”.

I commercianti hanno rappresentato la più viva preoccupazione per la situazione di estrema difficoltà economica in cui versano le attività cittadine, non in grado di ripartire adeguatamente senza aiuti economici dopo tre mesi di fermo commerciale.

Sua Eccellenza ha recepito l’accorata richiesta di aiuto, auspicando che la classe politica faccia la sua parte nella lotta a questa crisi che non ha esitato a definire “esistenziale”, avendo intaccato il fenomeno diverse attività a conduzione familiare.

I commercianti hanno positivamente apprezzato non solo il sostegno spirituale ricevuto ma anche quello fattuale, concretizzatosi in un memorandum di proposte per affrontare la crisi che l’alto prelato ha strutturato che, per molti versi, sono sovrapponibili alle richieste che il Comitato ha già rappresentato in più sedi istituzionali. Tra queste l’estensione della cassa integrazione, la cancellazione di imposte e tributi locali, la concessione di sovvenzioni a fondo perduto.

La chiave consegnata all’Arcivescovo Bertolone è da un artigiano locale, atto simbolico che rappresenta la volontà di affidare in questo particolare momento le attività cittadine alla cura del suo Pastore spirituale.

A margine dell’incontro i commercianti hanno recato alcuni generi di prima necessità che saranno destinati alle famiglie più bisognose che, sempre più numerose, si rivolgono alla Curia per l’assistenza materiale.