Dpcm, Comitato Ristoratori Catanzaro: “Delusione e rabbia per misure drastiche del governo”

"Dai noi mai particolari criticità. Mai ci aspettavamo una misura a tappeto e valida per tutto il territorio nazionale"

Più informazioni su

Ci risiamo. Con il varo del nuovo DPCM – scrive il Comitato Ristoratori di Catanzaro – va in onda l’ ennesima farsa del governo targato PD-movimento 5 stelle e, come al solito a farne le spese è il settore produttivo della ristorazione. Il lockdown della scorsa primavera ha lasciato strascichi importanti nelle nostre attività e la nuova stretta rischia di far collassare un settore fiore all ‘ occhiello della nostra nazione e della Nostra città. Le misure e gli interventi promessi nei mesi scorsi oltre ad essere insufficienti sotto il profilo prettamente economico si sono rivelati nei tempi decisamente tardivi, ad esempio i ritardi nell’ erogazione delle cassa integrazione. La nuova stretta, decisa da un confuso Giuseppe Conte, rischia di creare tensioni sociali dalle conseguenze inaspettate soprattutto quando la delusione e l’impotenza sì trasformano in rabbia.

Noi non siamo negozionisti oppure complottisti, ne di destra, ne di sinistra, né virologi e tantomeno premi nobel in medicina, ma, numeri alla mano il Covid-19 non è la peste e le misure di prevenzione messe in atto contro la diffusione del virus all’ interno dei nostri locali ha permesso e continua a garantire standard elevati di sicurezza.La Calabria e la città di Catanzaro in particolare non hanno mai avuto criticità importanti sulla diffusione dell’ epidemia e riteniamo, che, il nuovo DPCM doveva per lo meno tener conto delle difficoltà territoriali e dare margine decisionale a Sindaci e Presidente di Regione.

Evidentemente questo governo non ha interesse a salvaguardare l’ economia del paese ma al contrario decide col solo fine di impoverire gli italiani e far fallire milioni di imprese e partite Iva. Mai ci aspettavamo una misura del genere, drastica e a tappeto su tutto il territorio nazionale quando proprio il premier Conte in tempi non sospetti aveva ipotizzato e quantomeno garantito solo chiusure selettive”.

Più informazioni su