Scuole a Catanzaro, perplessità sulla tempistica dei tamponi ma lunedì si riaprirà

Dovrebbero fare il loro ingresso nelle scuole gli infermieri che avranno il compito di monitorare i casi sospetti

Più informazioni su

    Lunedì 30 novembre i ragazzi della scuola dell’infanzia, della primaria e delle prime classi della scuola media rientreranno a scuola. Lo aveva già annunciato il sindaco Sergio Abramo nel corso di una conferenza stampa lo scorso 24 novembre. Una data, quella della riapertura, che però è stata messa in dubbio in alcuni momenti dell’incontro che oggi il primo cittadino ha tenuto con i dirigenti scolastici degli istituti comprensivi. Nel corso della riunione, infatti, è emersa qualche perplessità sul fatto che si possano garantire tamponi ed esiti veloci per gli studenti e il personale della scuola eventualmente coinvolta da casi Covid.

    Tuttavia, al termine dell’incontro al quale hanno partecipato anche i vertici dell’Asp (alcuni dirigenti non in presenza ma intervenuti telefonicamente), si è deciso che gli studenti potranno ritornare in aula in sicurezza. Da lunedì, infatti, dovrebbero fare il loro ingresso nei 61 Istituti Comprensivi della Provincia gli infermieri che avranno il compito di monitorare i casi sospetti somministrando, a chi dovesse presentare qualche sintomo e previa autorizzazione delle famiglie, i test rapidi.

    C’è però un altro scoglio da superare. Le scuole chiedono che tutta la procedura venga messa per iscritto da parte dell’Asp: i dirigenti vogliono che, nero su bianco, venga formalizzata la delega con la quale ricevere l’infermiere deputato a concretizzare il protocollo previsto.

    Più informazioni su