Quantcast

Covid19: studenti dell’Umg a supporto dell’emergenza

Hanno espresso volontà di fornire supporto ed assistenza alle strutture che si occupano di indagini e controlli epidemiologici sul territorio

Il contact tracing è un’azione sanitaria pubblica essenziale al fine del contenimento della pandemia in corso. Un’attività che consiste nell’individuare ed isolare rapidamente i pazienti che potrebbero essere positivi, cercando quindi di contenere quanto più possibile il focolaio. Tuttavia, il funzionamento di questo prezioso sistema è stato messo a dura prova  dalle ondate di contagi che si sono susseguite nel corso di questi mesi.

Gli studenti iscritti al corso di laurea in Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro non si sono tirati indietro di fronte agli eventi ed hanno deciso di supportare a pieno le istituzioni sanitarie locali intensamente impegnate nella lotta giornaliera al contenimento della pandemia da COVID-19.

Alcuni degli studenti iscritti agli anni V e VI hanno manifestato la volontà di volersi affermare come parte attiva supportando l’attività svolta dal personale sanitario e sottoponendo al Magnifico Rettore ed all’Unità di Crisi dell’Ateneo catanzarese la volontà di fornire supporto ed assistenza alle strutture che si occupano di indagini e controlli epidemiologici sul territorio. Un meccanismo essenziale dedicato al monitoraggio telefonico dei pazienti in quarantena e dei positivi, al caricamento in piattaforma nazionale dei dati ed al follow up dei soggetti guariti.

La Governance di Ateneo ha accolto positivamente la richiesta costituendo in brevi tempi una vera e propria task force di studenti in tutto il territorio calabrese.

Un gesto di grande responsabilità quello compiuto – “Sentirci parte attiva nello scenario di un’emergenza di tale portata è un modo per essere utili al nostro territorio, per dare uno slancio alla nostra formazione medica. Questa opportunità ci permetterà sicuramente di volgere uno sguardo attento ai principi dell’etica medica”.

La Scuola di Medicina e Chirurgia ha inoltre stabilito di riconoscere tale attività come “Attività di valore sociale” attribuendo un punteggio aggiuntivo in seduta di laurea a tutti gli studenti che ormai da mesi offrono, giorno dopo giorno, un contributo costante e prezioso alla popolazione calabrese. Un ringraziamento per la riuscita dell’iniziativa va al Dr. Benedetto Caroleo, Medico Internista ed Infettivologo, impegnato sin dagli inizi della pandemia nella task force regionale.

Una nota positiva nella storia della nostra Calabria, colpita duramente durante questi mesi di emergenza, e sicuramente una conferma del fatto che la società di oggi può e deve dare fiducia ai giovani.