Quantcast

Fare per Catanzaro e Udc in Consiglio Comunale su scuole: “Si rischia pericolo per studenti”

"Un vero e proprio caos su quarantene, positività, tampon. Perché non è stato fatto nulla o quasi per mettere in sicurezza la popolazione scolastica?"

Più informazioni su

“Scuole chiuse o aperte ? Con l’impennata dei contagi, in aumento fortemente giorno per giorno assistiamo, da parte  dei sindaci e dei presidenti di regione, a una vera e propria sceneggiata napoletana (con tutto il rispetto per il teatro partenopeo) che  sulla decisione vanno in ordine sparso. Decisioni che guardano più all’adeguamento politico  che non alla realtà della situazione sanitaria. Sindaci che si guardano bene a non far torto alle istituzioni preposte agendo in modo di essere forti con i deboli e deboli con i forti. Con questo incremento di contagi da Covid19, c’è il rischio  che l’apertura delle scuole rappresenti un vero pericolo per gli studenti e il personale scolastico. Ma perché  alla riapertura delle  scuole siamo difronte a questo dilemma ? Perché non è stato fatto nulla o quasi per mettere in sicurezza la popolazione scolastica ? Problematica sulla quale  i sindaci si eclissano non una parola, nessun fronte comune  contro la gestione da parte dell’Asp.

Un vero e proprio caos su quarantene, positività, tamponi, centri Covid e i Covid hotel, numeri verdi che non rispondono, uffici preposti chiusi nei giorni festivi , raccolta della  spazzatura  della famiglie contagiate. Su tutto ciò i primi cittadini tacciono non pretendono risposte adeguate.  Siamo dinnanzi a una pandemia che sembra oramai irrefrenabile  i cittadini hanno, quindi, il diritto di avere le istituzioni preposte presenti e funzionanti. Tocca ai sindaci fare la voce grosse in quanto responsabili della condizione di salute  della popolazione del suo territorio.

Perché non  fanno fronte comune pretendendo  tamponi gratuiti per la popolazione, che i numeri di telefono preposti a dare risposte funzionano, che gli uffici siano aperti anche nei giorni festivi che vengano attivati  i Covid Hotel che vengano potenziate le strutture sanitarie per avere più posti nei reparti ordinari e nelle terapie intensive? Niente di tutto ciò, fanno la voce grossa sulla scuola anche se  si moltiplicano gli appelli da parte dei sanitari di procedere alla vaccinazione dei bambini che in questo momento sembrano essere quelli maggiormente colpiti dal virus. A nostro parere era giusto, considerate le negligenze accumulate, riorganizzare  il tutto e dare il tempo alle famiglie di procedere alle vaccinazioni. Nella speranza che nel frattempo i sindaci facciano sentire,  concretamente, la loro voce”.

Più informazioni su