Provincia: Borgia, 3,5 milioni per ripristino Sp 172

Nel tratto che collega la SS 106 con l'area di Girifalco 

Più informazioni su


    E’ stata sottoscritta questa mattina a Palazzo di Vetro la convenzione relativa al finanziamento di 3,5 milioni di euro concesso alla Provincia di Catanzaro dalla Regione Calabria per l’intervento di ripristino della strada provinciale 172 in località Donnantona del comune di Borgia, che collega la strada statale 106 nei pressi del Parco Archeologico Scolacium a Roccelletta di Borgia con l’area di Borgia, Girifalco e San Floro.

    A siglare la convenzione, nel corso di un incontro aperto alla stampa, sono stati il presidente della Provincia di Catanzaro, Wanda Ferro, e il dirigente generale del Dipartimento Lavori pubblici della Regione Calabria, ing. Giovanni Laganà, alla presenza dei dirigenti del Dipartimento Lavori Pubblici della Regione, ing. Iritano e ing. Verre, del dirigente del settore Viabilità Soveratese della Provincia, ing. Floriano Siniscalco, del sindaco di Borgia Francesco Fusto, del sindaco di Girifalco e consigliere provinciale Mario Deonofrio, oltre che del presidente del Consiglio provinciale Peppino Ruberto, del vice presidente del Consiglio Provinciale Emilio Verrengia e del presidente della Commissione Lavori Pubblici del Consiglio Provinciale Gianpaolo Bevilacqua che per impegni istituzionali hanno dovuto lasciare in anticipo la conferenza.

    Il tratto di strada interessato riveste ancora maggiore importanza dopo la realizzazione dello svincolo della nuova statale jonica.L’importante arteria, trasferita nel 2001 dall’Anas e dalla Regione, è stata interessata da un ampio fenomeno franoso, con i conseguenti disagi per i cittadini. Ora, grazie al finanziamento concesso dalla Regione, la Provincia di Catanzaro potrà realizzare un by-pass del tratto stradale interessato dallafrana, con la realizzazione di un nuovo percorso stradale che prevede la costruzione di due importanti viadotti che attraverseranno la Fiumarella e che porteranno l’arteria sul costone antistante a quello crollato, in modo da  insistere su un terreno stabile.

    “Grazie all’impegno sinergico delle due amministrazioni, regionale e provinciale – spiega il presidente Wanda Ferro – si è riusciti a fare fronte alla ristrettezza di risorse, attingendo ai fondi recuperati dalla rimodulazione del piano degliinterventi dell’Opcm 3401/2005. Ringrazio quindi il presidente Giuseppe Scopelliti, gli assessori Pino Gentile e Piero Aiello, i consiglieri provinciali e i tecnici del Dipartimento Lavori Pubblici della Regione Calabria, e in particolare il dirigente generale ing. Giovanni Laganà e gli ingg. Iritano e Verre, che hanno consentito il raggiungimento di questo importante traguardo. Un’opera di grande importanza, che rientra in quel metodo di buona amministrazione che punta a destinare gli investimenti per la soluzione dei problemi più importanti e per la realizzazione di infrastrutture strategiche che possono realmente favorire uno sviluppo complessivo del territorio regionale, senza disperdere risorse in tanti piccoli interventi. Un grazie anche all’amministrazione comunale che ci ha aiutato a far comprendere ai cittadini, che hanno attesopazientemente, che questo intervento non è stato mai messo in secondo pianodall’Amministrazione, ma che era necessario far fronte alla insufficienza di risorse. Grazie all’impegno dei tecnici si è riusciti a superare il problema, e ad ultimare la progettazione esecutiva, così già nelle prossime settimane si potrà procedere con il bando di gara”.

    Anche l’ing. Giovanni Laganà ha rimarcato la valenza sociale dell’opera, che sarà realizzata con  le risorse destinate da un’ordinanza di protezione civile a quel territorio. “Si è deciso di rimodulare le vecchie risorse – ha spiegato il dirigente generale del Dipartimento Lavori Pubblici della Regione –  concentrandole su un unico intervento atteso dalle comunità locali. Rivolgo quindi un plauso alla Provincia di Catanzaro per avere realizzato la progettazione che consentirà, dopo la firma della convenzione, di attivare le procedure per l’appalto, e direalizzare l’opera in poco tempo. Un risultato che si ottiene quando c’è sinergia tra gli enti a tutti i livelli, come in questo caso”.

    Per il sindaco di Borgia Francesco Fusto con la realizzazione della nuova arteria “si risolverà una problematica importante, anche per l’aumento di traffico legato alla realizzazione della nuova variante della statale 106. Ringrazio la Regione e la Provincia – ha detto ancora il sindaco – per avere voluto la realizzazione di quest’opera. Nonostante il rammarico per il mancato risarcimento ai cittadini e alle attività produttive e commerciali dopo la tromba d’aria del 2004 che causò notevoli danni, è importante che queste risorse siano state investite nel territorio di Borgia”.

    Anche per il consigliere provinciale Riccardo Bruno “è importante che le risorse siano state investiti in quel territorio”  dopo il mancato risarcimento “per un problema non imputabile alla Provincia né alla Regione, dopo la tromba d’aria che arrecò danni notevoli ai cittadini, distrusse case, danneggiò attività commerciali, e costò anche vite umane. Ringrazio la Provincia di Catanzaro con il presidente Wanda Ferro e la Regione per essere riusciti a concretizzare un finanziamento importantissimo che servirà a mettere in sicurezza un territorio fragile e a realizzare un’arteria importante perché si collega anche con la nuova statale 106”. 

    Più informazioni su