Sorpresi in un bar a rubare, due arresti a Soverato

Un ladro si affaccia dalla finestra del bar chiuso. Carabinieri in azione 

Più informazioni su


    Non ha avuto una buona idea il ladro che si è affacciato dalla finestra di un bar a Soverato l’altra notte. I carabinieri, notando la presenza di un uomo nonostante il bar fosse chiuso, si sono insospettiti e hanno dato il via all’operazione di arresto di due giovani ladri. In manette sono finiti due giovani, di cui uno minorenne: Pietronicola Cosentino, 25 anni, gia’ noto alle forze dell’ordine, e il diciassettenne A.G., entrambi residenti a Guardavalle. I militari dell’Arma, diretti dal capitano Saverio Sica, avevano raddoppiato i servizi notturni, dopo una serie di denunce per furti in abitazioni private ed esercizi commerciali. Fino a quando, l’altra notte, due pattuglie hanno notato movimenti sospetti nei pressi del bar. Una persona, intorno alle 4 di notte, si e’ affacciata dall’esercizio che era chiuso, e questo ha insospettito i militari. In quattro hanno fatto irruzione nel locale, scoprendo che i due giovani si erano nascosti in bagno. Nell’esercizio c’era una busta con dentro monete da 1 e 2 euro per un totale di 1.800 euro. Soldi che erano nelle slot machine e negli altri giochi elettronici presenti nel bar-sala giochi. Il maggiorenne e’ stato posto agli arresti domiciliari, quindi, al termine del processo per direttissima, e’ stato disposto l’obbligo di firma per due giorni a settimana; per il minorenne e’ scattato l’accompagnamento presso il centro di accoglienza minorile di Catanzaro, dove si trova in attesa della decisione del magistrato. I carabinieri hanno anche provveduto a sequestrare diversi arnesi da scasso trovati ai due giovani.

    Nel corso di una conferenza stampa che si e’ svolta nella Compagnia di Soverato, il capitano Sica ha sottolineato: “I reati predatori lasciano il segno sui cittadini, anche perche’ – ha spiegato – in alcuni casi e’ stata invasa anche l’intimita’ familiare con furti nelle abitazioni. Per questo abbiamo predisposto turni raddoppiati con l’obiettivo di interrompere subito queste azioni illegali. L’unica richiesta che avanziamo ai cittadini – ha concluso – e’ quella di chiamare il 112 ogni qual volta si dovessero notare movimenti sospetti o sentire rumori particolari”.

    Più informazioni su