Fare rete puntando sull’innovazione per lo sviluppo del turismo

Incontro a Palazzo De Nobili promosso dall'associazione Mediterraneo 2020 

Più informazioni su


    Fare rete e puntare sull’innovazione per costruire vere imprese sociali. E’ questa la mission che l’associazione Mediterraneo 2020 ha inteso condividere con gli operatori del territorio per valorizzare il turismo come risorsa naturale della Calabria. Partendo dai dati relativi all’attuale offerta turistica, è possibile infatti scorgere scenari di crescita per “co-progettare” un turismo etico e sociale d’eccellenza che promuova lo sviluppo economico del territorio, secondo il principio della sostenibilità.  Ieri pomeriggio l’associazione ha promosso presso Palazzo De Nobili un momento di condivisione e di confronto incentrato sulle opportunità della finanza agevolata come strumento di crescita imprenditoriale.

    L’incontro, moderato dal responsabile di “Calabria News” Raffaele Viscomi, ha visto i saluti dell’Assessore al Turismo del Comune di Catanzaro, Rita Cavallaro, e del Presidente della Camera di Commercio di Catanzaro, Paolo Abramo. In particolare, quest’ultimo ha sottolineato come dai dati emersi dall’Osservatorio turistico provinciale le criticità più rilevanti siano quelle relative alla mancanza di un preciso indirizzo strategico per l’implementazione dei servizi. “Oggi conta ancora di più la qualità – ha commentato Abramo – e la Camera di Commercio si è spesa molto nel sostenere la nascita delle reti di imprese anche nel settore turistico. Il nostro sistema produttivo può crescere solo puntando sui marchi di qualità, sulla formazione e sulla valorizzazione dei nostri prodotti enogastronomici”.

    Mario Marullo e Paolo D’Errico dell’associazione Mediterraneo 2020 hanno, successivamente, esposto i dettagli del bando regionale per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale calabrese che, con una dotazione di circa 8 milioni di euro, può rappresentare un’opportunità importante per  la nascita di startup o l’innovazione delle aziende esistenti. In particolare il bando è suddiviso in due ambiti, il primo relativo ai servizi connessi ai beni culturali, il secondo alla produzione e diffusione di eventi e contenuti, compresa la produzione di stampo cinematografico come veicolo di promozione per il territorio. I curatori di Mediterraneo 2020, che mette a disposizione le proprie competenze per chiunque voglia presentare le proprie idee, hanno quindi esposto una possibile soluzione progettuale dedicata agli “Itinerari del Golfo”.

    “Il target sul quale focalizzarsi – ha detto Marullo – è il turismo sociale che può creare sviluppo sul territorio rispettando l’ambiente. Abbiamo pensato ad un progetto che prevede la costruzione di pacchetti turistici diversificati e di portali web tematici con l’obiettivo di destagionalizzare i flussi turistici che, soprattutto in Calabria, sono destinati ad un ristretto lasso di tempo”. Dagli altri intervenuti è, infine, emersa l’esigenza di rafforzare sempre di più i rapporti di sinergia tra istituzioni, imprese e cittadini ponendo l’accento sull’accessibilità e la socialità. 

    Più informazioni su