Aggressione Pronto soccorso, Tallini: è inaccettabile

Il consigliere regionale: le misure fin qui adottate dalla Direzione generale dell'azienda sono state parziali, inadeguate e insufficienti LA NOTIZIA DI CATANZAROINFORMA DI STAMATTINA


 “Quanto accaduto la scorsa notte nel pronto soccorso dell’ospedale ‘Pugliese’ di Catanzaro è inaccettabile. La sicurezza degli operatori è una condizione essenziale perché questi possano lavorare bene e salvare le vite umane. Se si continua di questo passo, nessuno vorrà più lavorare al pronto soccorso per non mettere in pericolo la propria incolumità”. Lo sostiene, in una dichiarazione, Domenico Tallini, consigliere regionale di Forza Italia. “Tutelare gli operatori – aggiunge – significa tutelare anche e soprattutto i pazienti che arrivano in condizioni più o meno gravi. Le misure fin qui adottate dalla Direzione generale dell’azienda sono state parziali, inadeguate e insufficienti. Le guardie giurate non possono avere solo il compito di sorvegliare gli ingressi, ma devono essere messe nelle condizioni di intervenire in caso di necessità, come è accaduto appunto la scorsa notte. Non basta poi un solo agente, ce ne vogliono almeno due. La Direzione generale apra i cordoni della borsa e ingaggi, nella maniera più trasparente possibile, un istituto di vigilanza che si faccia carico anche e soprattutto della sicurezza dei medici, infermieri e ausiliari che ogni giorno combattono la loro quotidiana guerra sulla trincea del pronto soccorso. Se le risorse sono insufficienti, intervenga la Regione perché il pronto soccorso di Catanzaro non è un pronto soccorso qualsiasi, ma il presidio in cui affluiscono emergenze da tutto il territorio provinciale e regionale. Si facciano fatti e non più parole”. “Agli operatori rimasti feriti nella colluttazione della scorsa notte – conclude Tallini – esprimo piena solidarietà, con l’augurio che possano al più presto rimettersi”.