Concluso a Cerva il progetto del Servizio civile nazionale

Formativa l'esperienza per otto volontari 


Sono otto, ma hanno lavorato per cento. Non sono le preposizioni della grammatica italiana, sono i volontari del servizio civile nazionale di Cerva. Il progetto di volontariato si è appena concluso nel piccolo paese presilano. Bilancio? Dire ottimo è un eufemismo. In dodici mesi di attività nel contesto sociale di Cerva, i volontari cervesi, come i volontari del progetto precedente, hanno fatto tanto e hanno fatto bene: moltiplicatori culturali. Qualche esempio? Assistenza agli anziani, laboratori per diversamente abili, convegni su legalità e bullismo, giornata della memoria, sagra della caldarrosta e tanto altro ancora. Ecco i nomi dei preparati e instancabili volontari: Mariano Mazzei, Danilo Filippis, Raffaele Grande, Luana Muraca, Catia Gareri, Morena Sacco, Mariacristina Sacco, Maria Sacco. Il progetto di servizio civile, coordinato dalla vice sindaca Jessica Scalzi, si è fatto conoscere con il nome “Creative”, ma non si sono limitati alla sola creatività con importanti momenti di aggregazione come Carnevale e Halloween, sono andati anche oltre, attivando sinergie importanti con la scuola, il Comune, le associazioni. Il servizio civile nazionale lascia ancora una volta il segno nel tessuto sociale cervese: non è la prima volta.

Enzo Bubbo