Quantcast

‘Un pensiero commosso a Notre Dame, monumento che ci appartiene’

Sergio Dragone ricordando l'opera musicale Notre Dame de Paris portata qui a Catanzaro nel 2002, rivolge un pensiero commosso alla Signora di Parigi Incendio Cattedrale di Notre-Dame, museo Taverna avvia raccolta fondi


Riceviamo e pubblichiamo da Sergio Dragone – “‘E questo è il tempo delle cattedrali. La pietra si fa statua, musica e poesia. E tutto sale su verso le stelle, su mura e vetrate. La scrittura è architettura’.
Siamo stati in migliaia ad ascoltare e cantare, sentendo un brivido sulla pelle, piangendo perfino sotto il cielo e il vento di Catanzaro, il più celebre brano dell’opera musicale ‘Notre-Dame-de-Paris’, scaturita dal genio di Riccardo Cocciante.
Era il 2002. Tre serate indimenticabili con il musical più spettacolare e intrigante di sempre, arrivato all’Arena Magna Graecia grazie alla geniale intuizione di Ruggero Pegna, ispirato all’epoca da una vulcanica Wanda Ferro.
C’era anche David Zard, il mitico produttore di eventi (ricordate il concerto di Madonna a Torino ?), che di Ruggero è stato un po’ il padre putativo.
Zard schierava a Catanzaro il migliore cast – oggi forse irripetibile – con Giò Di Tonno nel ruolo di Quasimodo e l’argentina Lola Ponce in quello di Esmeralda.
Chi c’era non dimentica. Soprattutto lo straziante e orgoglioso urlo di Clopin, il capo dei sans papier e dei clandestini che cercavano rifugio tra le mura della Cattedrale. Quanta attualità!
Chi c’era non dimentica e in queste ore rivolge a Notre Dame un pensiero commosso perché quell’immenso monumento della civiltà europea ci appartiene
”.

  • Quasimodo: Giò Di Tonno, Fabrizio Voghera
  • Esmeralda: Lola Ponce, Rosalia Misseri
  • Frollo: Vittorio Matteucci, Fabrizio Voghera
  • Gringoire: Matteo Setti, Heron Borelli, Mattia Inverni
  • Clopin: Marco Guerzoni, Cristian Mini
  • Febo: Graziano Galàtone, Heron Borelli
  • Fiordaliso: Claudia D’Ottavi, Chiara Di Bari