Quantcast

Genitori sul piede di guerra per la sosta davanti al Galluppi

Vogliono poter tutelare i loro figli quando c'è traffico e accompagnarli senza preoccupazioni a scuola, per questono chiedono una sosta nei pressi della scuola al sindaco, che tra strisce blu e fioriere gliel'ha impedita


Sono esasperati i genitori degli alunni del Convitto Nazionale Galluppi e scrivono una lettera a tutte le parti in causa, sindaco assessore al ramo, Giunta comunale e comandante dei Vigili urbani, per parlare di tutti i disagi e dei problemi di sicurezza che i loro figli affrontano o si troveranno ad affrontare da settembre a causa della totale assenza della sosta per le auto destinata proprio a chi accompagna o va a prendere gli studenti.

Tutto inizia con la previsione, davanti all’entrata della scuola e per tutto il lato di corso Mazzini interessato dall’Istituto, delle strisce blu a pagamento per i parcheggi. Da quel momento in poi sotto la scuola non era più possibile parcheggiare poco prima dell’entrata o dell’uscita degli alunni. I genitori risolvevano la problematica specie nei gironi di pioggia sostando per pochi minuti di fronte. Ora però a causa dei dissuasori, cioè le fioriere installate dall’amministrazione comunale per impedire proprio che si parcheggi anche su quel lato di corso Mazzini, non è più possibile farlo.

La lettera chiaramente chiede al sindaco di ovviare a questo disagio perché tra i 600 alunni del Galluppi non tutti hanno un’età consapevole, visto che si parla di bambini la cui età è compresa tra i 5 e i 13 anni, elementari e medie, quindi. Tra l’altro, fanno presente i genitori, non esiste una alternativa nelle vicinanze, perché è sempre occupata da altri.
Cosa devono fare? I ragazzi vanno tutelati e non possono certo arrivare o uscire da scuola soli ed essere lasciati in mezzo alla strada specie nella stagione delle piogge con il traffico che si crea. La soluzione, anzi le soluzioni vengono proposte nella missiva al Comune: “L’immediato  ripristino della carreggiata di sosta temporanea di fronte ai parcheggi a pagamento, spostando le fioriere oppure la sosta sulle strisce blu consentita solo per quindici minuti nelle fasce orarie di entrata scuola ed uscita, 7,45/8,30 – 12,45/13,30 – 16,45/18,00.

I genitori comunque hanno chiesto “un incontro immediato sulla questione con i rappresentanti dell’amministrazione al fine di discutere una reale soluzione, essendo stato già fatto un incontro con il vice Comandante dei Vigili Urbani con il Presidente del Consiglio d’Istituto Tiriolo insieme al consigliere Iuliano”.

Per questo motivo i consiglieri comunali Gianmichele Bosco, Sergio Costanzo e Nicola Fiorita hanno chiesto di trattare l’argomento in Prima Commissione