Quantcast

Amc: Usb annuncia che farà opposizione contro decisione Tribunale

Il sindacato risponde all'azienda di trasporto locale Catanzarese e non ci sta


È notizia di ieri che il tribunale di Catanzaro ha respinto le richieste dell’Unione sindacale di base relativamente alla vicenda contro Amc

In merito, l’Usb attraverso un comunicato stampa fa sapere il suo punto di vista.

“La Usb – è scritto nella nota del sindacato – non brama di sedersi al tavolo con questi amministratori, ma è un passaggio dovuto per i lavoratori aderenti, quello che vorremmo sottolineare è che il giudice è vero che rigetta il ricorso, ma  nonostante ciò possiamo tranquillamente affermare di aver avuto una prima vittoria poiché, anche se Amc sosteneva il contrario, il giudice ha ritenuto che Usb è legittimato ad agire ex art 28 statuto dei lavoratori perché possiede tutti i requisiti richiesti dalla legge”.

Leggi anche: Amc vs Usb: giudice respinge richieste dell’Unione Sindacale di base

Secondo il sindacato il giudice “ha riconosciuto che Usb ha carattere nazionale ed esplica la sua attività sul territorio nazionale a tutela dei lavoratori. Per quanto riguarda invece il merito della questione e cioè se certe condotte di Amc potessero essere considerate antisindacali lo stesso giudice non si è espresso (!!!) ritenendo per alcune che non fossero di competenza di Usb (ma solo della Rsa che dovrebbe ricorrere al giudice per tutelarsi! Probabilmente, questo un elemento sfuggito a chi ha letto le carte, che alla stessa Amc la rappresentanza aziendale è da anni formalizzata, abbiamo 15 giorni per l’opposizione),  e per altre quali informative e convocazioni  ha ritenuto di non aver elementi sufficienti per decidere, cui argomenteremo”. 

Usb annuncia, inoltre che intende “proporre opposizione al decreto comunicato,  in quanto ritiene che vi siano fondati motivi per farlo. Se proprio vogliamo mettere un punto a questa prima fase riteniamo di aver segnato un punto silenzioso e prezioso, mentre nessun giudice ha detto che la condotta di Amc non è antisindacale”.

“Siamo fieri – conclude la nota – delle nostre battaglie e non ci preoccupa per nulla un primo giudizio, la Usb va avanti senza farci mai intimorire dalla macchina del fango che entra in funzione contro coloro che osano”.