Quantcast

L’Anps di Catanzaro alle ‘Tredicine’ di giugno

In onore di Sant'Antonio sono state organizzate a Padova


L’Associazione Nazionale della Polizia di Stato (Anps) Sezione di Catanzaro, comunica di aver preso parte alle celebrazioni religiose, le “Tredicine” di giugno, organizzate a Padova in onore del patrono Sant’Antonio, in condivisione con la Sezione ANPS della città veneta. 

I riti religiosi hanno avuto il loro culmine con la maestosa processione del 13 giugno scorso ove i Soci ed i Volontari ANPS di Catanzaro, Scalea, Nettuno e Gallipoli, hanno sfilato congiuntamente a quelli Patavini, aprendo il Corteo delle Associazioni presenti ed ivi convenute da ogni parte del Mondo.
Il Vice Presidente Nazionale Cav. Emilio VERRENGIA, affiancato dal Consigliere Nazionale, Ispettore Superiore Pierpaolo MENINI, nell’incontrare i rappresentanti ecclesiali ivi presenti, hanno portato i Saluti dei Soci e dei Volontari ANPS raggruppati in Italia e nel Mondo.

Fernando Martines nato a Lisbona nel 1195 e divenuto frate francescano entra a quindici anni nel monastero di San Vincenzo dei monaci di Sant’Agostino nei pressi di Lisbona. Nel 1220 ottiene il permesso di diventare frate Francescano divenendo Fra’ Antonio. Trasferitosi ad Arcella, alle porte di Padova dove i frati avevano aperto un ospizio, muore il 13 giugno 1231. Le sue spoglie giacciono nell’attuale Basilica, un tempo chiesetta di Santa Maria Mater Domini. Fra’ Antonio abbraccia il suo carisma francescano dopo gli studi agostiniani che gli resero un ricchissimo bagaglio culturale, biblico e patristico. Antonio è il Santo della parola, il Santo predicatore che sta in mezzo alla gente e ascolta, conforta, compone i conflitti. Esercitò con molto frutto il ministero della predicazione in Italia e in Francia, attirando molti alla vera dottrina. Scrisse sermoni imbevuti di dottrina e di finezza di stile e su mandato di San Francesco insegnò la teologia ai suoi confratelli. Considerato uno dei più grandi della storia, ha la fama di essere il “Santo dei miracoli”.

La benedizione ai pellegrini convenuti è stata impartita da padre Oliviero Svanera, rettore della Basilica alla presenza di Monsignor Claudio Cipolla, Vescovo di Padova, dell’inviato di papa Francesco e del nuovo Ministro Generale dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali, fra Carlos Alberto Trovarelli. 
La presenza della folta delegazione dell’Anps catanzarese, affiancata da Soci del Gruppo ANPS di Scalea, oltre in segno di devozione a Sant’Antonio, è valsa a suggellare il legame associativo tra i due sodalizi Anps ancor più cementificati in occasione del Consiglio Nazionale dello scorso 3 maggio che ha accomunato le due realtà con l’elezione nell’Assise Nazionale dei due Presidenti di Sezione, Cav. Emilio VERRENGIA per Catanzaro ed Ispettore Superiore della P di S. Pierpaolo MENINI per Padova.

E’ attraverso la sinergia, la condivisione, lo spirito di servizio, il bisogno sociale, la disponibilità all’ascolto e l’incontro delle diverse esperienze che ha rafforzato il legame tra le due diverse realtà, e che in occasione delle “tredicine” di Sant’Antonio sono valsi per proficui, partecipati e significativi momenti di riflessione sui percorsi comuni che vedranno in futuro impegnati i Soci Anps catanzaresi e patavini, in particolare.