Quantcast

Dalla Chiesa: ‘Oggi papà ricongiunto col mondo che amava, i giovani’

L'emozione di Simona Dalla Chiesa, figlia del generale ucciso dalla mafia, nell'apprendere che una delle tracce della maturità 2019 è dedicata al padre


di Giulia Zampina

“Un’emozione grande perchè in un attimo e dopo tanto tempo si è ricongiunto ciò che mio padre ha rappresentato per tante giovani generazioni, che lo hanno conosciuto o che ne hanno solo sentito parlare”. E’ questo che Simona dalla Chiesa, figlia del Prefetto ucciso dalla Mafia, catanzarese d’adozione e già parlamentare, ha provato alle 9 quando, come tutti ha sentito parlare delle tracce per la maturità 2019. “Ancora non ho letto il testo e non so quale aspetto abbiano voluto evidenziare in particolare di tutta la storia di mio padre, ma credo che sia stato un modo magnifico di entrare nella scala valoriale dell’antimafia dalla porta principale. Quella dei giovani.

Mio padre andava in giro per le scuole incontrava gli sguardi dei ragazzi, parlava con loro anche lontano dal suo ruolo istituzionale. Ed io per anni ho seguito la stessa strada. Oggi, 19 giugno 2019, ad un certo punto tutto questo ha preso forma ed ha avuto un senso. E trovare le parole per descrivere questo sentimento è davvero difficile”.

Volendo mettere in relazione le tracce della maturità 2019, l’impegno civile contro la mafia è certamente predominante, con la scelta di proporre ai maturandi anche un brano di Sciascia, proprio quello in cui il capitano arrivato da Parma, nell’immaginario collettivo, rappresentava idealmente la figura del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. “Non posso che essere felice di queste scelte – ha commentato ancora Simona dalla Chiesa – perchè mettono i giovani davanti all’opportunità di valutare fatti moderni ma che hanno antiche radici con animo e spirito critico”.

(La foto è stata gentilmente fornita dalla signora Simona Dalla Chiesa)