Quantcast

Firmato accordo collaborazione Esercito-Ordine di Malta (VIDEO)

Formalizzata sinergia che prevede l'utilizzazione in concorso in caso di necessità del personale medico infermieristico volontario dell'Acismom secondo precise modalità esecutive

Più informazioni su


Un protocollo d’intesa che suggella una collaborazione che nei fatti c’è già da anni quella che è stato siglato questa mattina nella Caserma Pepe-Bettoja tra il Comando Calabria dell’Esercito e l’Acismom, l’Associazione dei Cavalieri Italiani del Sovrano Militare Ordine di Malta ente paramilitare che dal 1877 svolge attività di assistenza sanitaria sul territorio italiano, in cooperazione con il Servizio Sanitario Nazionale in particolare fornendo il suo supporto in caso di guerre o calamità naturale. A firmare l’accordo questa mattina il generale Mario Fine comandante del Corpo militare di Acismom e il colonnello Giampiero Battipaglia comandante del Cme Calabria. Esercito e Acismom hanno quindi formalizzato la sinergia che prevede l’utilizzazione in concorso in caso di necessità del personale medico infermieristico volontario dell’Acismom secondo precise modalità esecutive specificate nell’accordo. La firma al termine di una breve cerimonia moderata dal capo sezione reclutamento Andrea Galiano.

Il generale Fine ha espresso soddisfazione per la firma e nel suo breve messaggio di salutoo ha accennato alla storia dell’Acismom che ha radici antiche “ma che formalmemte inizia 143 anni fa nel 1877 quando l’organizzazione su base volontaria che dà supporto sanitario in caso di calamità naturale. Una organizzazione che nel 1909, dopo l’attività seguita al terremoto Calabro Siculo, è divenuta a tutti gli effetti un corpo speciale ausiliario dell’Esercito”. Il colonnello Battipaglia da parte sua ha ricordato lo stretto rapporto dell’Esercito Italiano con il territorio “Compie un lavoro spesso oscuro ma importante. Un esempio è l’operazione Strade sicure che da qualche mese ormai vede nostri uomini impegnati per migliorare la sicurezza sul territorio, ma anche il protocollo di oggi si inserisce in questa attività, in questo rapporto costante con la gente”. L’incontro odierno si è concluso con la consegna al generale Fine del Crest del Comando Calabria. Il documento firmato, che estende la sua validità anche in Basilicata rimarrà in vigore sino ad eventuale espressa volontà contraria di una delle parti.

Ro.tol.

Più informazioni su