Buon Compleanno monsignor Cantisani, 70 anni a servizio dalla Chiesa

Novantatré candeline per il Vescovo emerito

Più informazioni su


Di Giulia Zampina

Novantatré anni. Presbitero da 70 anni. Vescovo da 48 anni prima a Rossano e poi a Cariati e dal 1980 ha legato il suo nome e la sua opera a Catanzaro dove, nel 2003 è stato nominato vescovo emerito. Sono questi i numeri di monsignor Antonio Cantisani, uno dei Pastori della Chiesa catanzarese che oggi spegne 93 candeline. Uomo di cultura e impegnato fortemente nel sociale.

Fu lui a volere è difendere a Catanzaro l’attività di quel centro calabrese di solidarietà che affido’ alla guida di un allora Don Mimmo Battaglia.

Fu sempre lui, in una delle sue ultime omelie durante la festività dell’Immacolata a puntare il dito contro alcune politiche cittadine che stavano alimentando situazioni di degrado. Fu sempre monsignor Cantisani a predicare una Chiesa inclusiva e accogliente contro quella religione che in un certo periodo storico, era diventata quasi una “questione di circoli”.

E nessuno dimenticherà le sue parole durante l’omelia per i morti della strage di Soverato. Disse quel pomeriggio, camminando per la Navata della Cattedrale di Catanzaro, fermandosi davanti ad ognuna di quelle bare “Dio dove eri quel giorno?”. Il nome di monsignor Cantisani è indissolubilmente legato alla città di Catanzaro e alla spiritualità di una intera Provincia che lo ha eletto a sua guida.

Più informazioni su