Quantcast

Invia email offensive: condannato promoter di Catanzaro

Per lui due mesi di reclusione e risarcimento danni a causa della diffamazione di cui è stato ritenuto colpevole


Il tribunale di Catanzaro in composizione monocratica (Dott.ssa De Simone) ha condannato S.M., imprenditore nel settore degli eventi musicali in Calabria, per il reato di diffamazione.
In particolare lo stesso avrebbe mediante l’invio di mail a lui riconducibili offeso l’onore e il decoro di un libero professionista attivo nel campo della comunicazione e del marketing T.P.A., costituitosi parte civile e rappresentato e difeso dall’Avv. Antonio Ludovico.

Ebbene, il Giudice ha condannato il S.M. alla pena di mesi due di reclusione e al risarcimento dei danni cagionati alla costituita parte civile pari ad euro 2000,00 nonché alla refusione delle spese di giudizio sostenute dalla stessa anch’esse pari a 2000,00, revocando il beneficio della sospensione condizionale della pena concesso il 12 maggio 2011, come si legge nel dispositivo.

S.M., difeso dall’Avv. Wanda Bitonte è stato tuttavia assolto dal reato di minaccia con la formula perché il fatto non sussiste.
Il Tribunale di Catanzaro ha reso una sentenza al passo coi tempi, punendo il reato di diffamazione commesso a mezzo mail, aderendo agli ultimi orientamenti giurisprudenziali in materia.