Rinascita – Scott, revocati i domiciliari a Luigi Incarnato

Commissario straordinario della Sorical è accusato di corruzione elettorale


Luigi Incarnato, Commissario straordinario della Sorical, torna in libertà.

Coinvolto nell’operazione RinascitaScott, coordinata dalla Dda di Catanzaro, guidata da Nicola Gratteri, era stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, oggi revocati dal Tribunale della libertà di Catanzaro su richiesta del suo legale Franz Caruso.

Incarnato è accusato di corruzione elettorale. Secondo l’accusa, in occasione delle elezioni politiche del 2018, in cui era candidato nella lista del Pd, avrebbe offerto la propria collaborazione in cambio di voti a Pietro Giamborino, ex consigliere regionale del Pd ritenuto legato a cosche del vibonese, e Pino Cuomo.

Il legale di Incarnato, ha espresso la sua soddisfazione per la decisione del Tribunale del riesame. “Come abbiamo sempre detto – ha affermato – abbiamo fiducia nella magistratura giudicante che ha fatto giustizia di una misura particolarmente afflittiva e, a nostro avviso, abnorme e particolarmente ingiusta”.