Quantcast

La commozione al Sacro Cuore: Ordinazione di Fra Diego Canino FOTO

Insieme a Mons. Bertolone hanno partecipato alla celebrazione frati e sacerdoti provenienti da Calabria e Sicilia, da Roma e Assisi


Non si è abituati ad assistere ad un’Ordinazione Sacerdotale e quando una comunità può accogliere questo importante momento di fede lo fa con entusiasmo, amore e commozione. E ieri sera i Frati Minori Conventuali di Calabria del Sacro Cuore, del quartiere Lido di Catanzaro, hanno avuto la gioia di poter celebrare l’ordinazione di Fra Diego Canino difronte alla loro comunità.

Una solenne funzione piena di emozione e trasporto, celebrata da Monsignor Vincenzo Bertolone, a cui hanno preso parte frati e sacerdoti provenienti da tutta la Calabria, dalla Sicilia, da Roma e Assisi, la famiglia di Fra Diego e tanti fedeli. 

Fra Diego, nato a Catanzaro, prima di intraprendere il suo cammino di fede, ha conseguito una laurea in Giurisprudenza, divenendo avvocato presso il foro del capoluogo calabrese. Ma la chiamata del Signore può giungere in qualsiasi momento e così è stato per lui, che ha abbandonato la professione di avvocato per intraprendere un cammino di fede intenso insieme ai Frati Francescani, culminato proprio ieri con la sua consacrazione a Ministro dell’Altare:”L’ordinazione di Fra Diego è per noi il segno che non siamo mai soli a scegliere la nostra strada perché è il Signore che ci sceglie, ci chiama, ci manda – ha detto il Vescovo durante l’omelia – ascoltare la voce del Signore e abbandonare ogni attività per seguirlo vuol dire trovare la nostra felicità”.

Ed è su quest’ultima parola che è proseguita la riflessione del Vescovo: “Felicità: ecco la parola che sta a cuore a tutti ad ogni età. Che cos’è la felicità?’ Spesso impieghiamo una vita a capirlo ma non lo comprendiamo. L’invito a seguire il Signore vuol dire mettersi in cammino con Lui sui sentieri sconnessi e affascinanti in cui ci si imbatte nella vita di donne e di uomini”. Così è stato per Fra Diego che ha detto “sì” al Signore che ha orientato i suoi passi verso una grande felicità, per essere voce del Vangelo e dar luce ai cuori smarriti sull’esempio di San Francesco di Assisi: “Ti troverai a vivere il Ministero in un mondo nel quale c’è sete e smarrimento – ha proseguito il Vescovo – Si ha sete di luce, di verità, di gioia e sorrisi veri, di pace e pienezza. A noi il Signore ha affidato il compito di indicare la via giusta”.

Una grande responsabilità per Fra Diego che divenuto Ministro di Dio ne sarà Suo testimone prima in mezzo alla gente a Montevago, dove attualmente risiede, e poi ovunque il suo cammino di fede lo condurrà. “Questa celebrazione è stata accolta con stupore e gratitudine – ha sottolineato Padre Giorgio Tassone, Custode Provinciale di Calabria dei Frati Minori Conventuali – stupore perché Dio ha voluto chinarsi sulla nostra comunità donandoci oggi Fra Diego come presbitero e gratitudine per coloro che lo hanno accompagnato fino a questo giorno. Il nostro grazie va al Vescovo che con l’imposizione delle mani e la preghiera consacratoria ha generato questo figlio nel Sacerdozio, un grazie a chi ha accompagnato Fra Diego nel suo cammino vocazionale e a tutta la comunità che con amore e sacrificio ha reso solenne questo giorno – ha poi concluso – Un ringraziamento va inoltre alla famiglia di Fra Diego, alla sorella, agli zii e sopratutto ai genitori, che dal cielo oggi erano con noi. Il nostro impegno infine sarà quello di continuare a pregare affinché il Signore ci benedica con il dono di tante vocazioni alla vita sacerdotale e religiosa”.

Maria Teresa Rotundo