Estorsione con metodo mafioso: 2 arresti eseguiti della Squadra Mobile

In manette Maurizio Aurelio Notarianni. Ai domiciliari il figlio Maurizio. Avrebbero organizzato tra l'altro una vendita fittizia per farsi consegnare un terreno

Più informazioni su


    Nelle prime ore di questa mattina, la Squadra Mobile di Catanzaro guidata da Alfonso Iadevaia ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Maurizio Aurelio Notarianni e agli arresti domiciliari nei confronti del Luigi Notarianni 29 anni, in quanto ritenuti responsabili dei reati di estorsione consumata e di tentata estorsione, aggravati dal metodo mafioso, espressione della forza di intimidazione del vincolo associativo di ‘ndrangheta, rilevando che Aurelio Maurizio Notarianni è stato già condannato, nell’ambito del Processo Medusa  per il delitto di cui all’art. 416 bis c.p. in quanto partecipe, quale elemento di vertice, della cosca di ‘ndrangheta “Giampà”, operante con un ruolo di supremazia criminale nel territorio lametino.

    Il provvedimento è stato emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Procura della Repubblica Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, con il Sostituto Procuratore Elio Romano e il coordinamento del Procuratore Aggiunto Vincenzo Capomolla e del Procuratore della Repubblica Nicola Gratteri

    Le attività investigative dirette dalla Procura della Repubblica Dda di Catanzaro, delegate alla Squadra Mobile di Catanzaro, e svolte con l’attivazione anche di diversi presidi tecnici, hanno fatto emergere che gli indagati, con minacce esplicite, costringevano la vittima a realizzare una fittizia vendita di un appezzamento di terreno a destinazione agricola, con l’intento, effettivamente realizzato, di costruirvi un manufatto da destinare ad abitazione. 

    In particolare sono state ricostruite le fasi e le dinamiche operative degli eventi delittuosi, articolati nel corso degli anni, in quanto Aurelio Maurizio Notarianni, già nel 2008, in data prossima all’acquisto del terreno da parte di un imprenditore lametino, si faceva consegnare, da quest’ultimo, diecimila euro a titolo estorsivo, al fine di consentirgli un tranquillo godimento del bene.

     Veniva accertato altresì che, lo scorso anno, padre e figlio, si recavano in più occasioni presso l’esercizio commerciale dell’imprenditore, titolare del terreno, intimando a questi la necessità di intestare alla compagna di Luigi, parte dello stesso appezzamento di terreno, mediante una simulata compravendita, da formalizzare presso un notaio, con una fittizia corresponsione di denaro da parte dell’acquirente.

    In attesa della realizzazione dell’atto di compravendita, i Notarianni si erano realmente impossessati del terreno, iniziando la realizzazione sullo stesso di un immobile abusivo.

    Più informazioni su