Il problema dell’obesità infantile nell’omelia di monsignor Bertolone

I problemi della 'supernutrizione'

Più informazioni su

‘L’obesità della libertà’: a seguire la pubblicazione integrale dell’omelia di oggi dell’arcivescovo Bertolone

 

«La libertà tende all’obesità».

La fulminante battuta di quel genio che è stato Leo Longanesi, nell’evidenziare i rischi insiti nel bulimico trasformarsi della libertà in assenza di regole giuridiche ed etiche, coglie anche un altro aspetto della vita della società contemporanea ad esso in fondo legato: in poco più di trenta anni, cioè tra il 1975 ed il 2016, il numero nel mondo di bambini e adolescenti obesi è aumentato da 11 a 124 milioni per colpa del marketing aggressivo che sin da piccoli spinge verso fast food, bevande zuccherate, alcol e tabacco.

Il dato è emerso dal Rapporto di Unicef, Oms e Lancet pubblicato nei giorni scorsi. In Italia, in particolare, si stimano più di due milioni di giovanissimi obesi, all’incirca un quarto della popolazione tra i 3 e i 17 anni. Secondo gli studiosi ad incidere è il preoccupante abbandono dei principi della dieta mediterranea: si consumano sempre meno frutta e verdura, sempre più cibi processati, poveri sul piano nutrizionale.

A questo punto, sempre, secondo gli esperti, si è giunti a causa dello strapotere delle industrie alimentari multinazionali, che – usando come un grimaldello la liberalizzazione del commercio – favoriscono modelli in cui i più piccoli sono trasformati in contenitori vuoti da riempire di cibo, invece che di attenzioni. È come se il mondo si dividesse in due: da una parte l’umanità malnutrita e affamata, dall’altra, invece, quella supernutrita dal troppo cibo. Che non sia più soltanto una questione geografica lo ha sottolineato qualche settimana fa papa Francesco, i 700 milioni di persone in sovrappeso sono «vittime di abitudini alimentari sbagliate, non sono più semplicemente emblematici della dieta dei popoli dell’opulenza, ma iniziano ad abitare anche in Paesi a basso reddito, dove si continua a mangiare poco e male, copiando modelli alimentari delle aree sviluppate».

Le conseguenze? Sono evidenti e drammatiche, non solo sul piano fisico, ma anche su quello spirituale: il troppo avere, proprio come la libertà che tende all’obesità, porta l’interiorità a farsi esangue, mentre lo spirito si intisichisce e la mente si ottunde. «Serve uno stile di vita che ci permetta di coltivare un rapporto sano con noi stessi, con i nostri fratelli e con l’ambiente in cui viviamo», osserva il Santo Padre. Probabilmente, è l’unica strada possibile: la sobrietà non è solo un impegno di carità fraterna verso i miseri, bensì anche un atto di auto-educazione e di trasformazione personale, passando dall’istinto brutale vorace al dominio di sé. Si tratta, insomma, di coltivare stili di vita ispirati ad una visione riconoscente di ciò che ci viene dato, cercando la temperanza, la moderazione e la solidarietà, con una maggiore attenzione ai bisogni dell’altro. Ancora papa Francesco, illuminante: «Così come è necessario il coraggio della felicità, ci vuole anche il coraggio della sobrietà».

 

Più informazioni su