Alcuni commercianti del centro scrivono al sindaco: “Chiudiamo per un po’, ma poi ci aiuti”

Si faccia promotore di una moratoria dei canoni di locazione e dei tributi comunali, di concerto con le associazioni dei proprietari e l'amministrazione comunale

Un gruppo di commercianti del centro storico scrive al sindaco Sergio Abramo. I commercianti della “sua amata città”, così si definiscono nella missiva al primo cittadino al quale riferiscono: siamo commercianti di quel centro storico che lotta disperatamente per riaffermare il proprio diritto ad esistere e resistere, che cerca di reggere l’urto della concorrenza con i giganti della grande distribuzione, che deve adeguarsi ad ordinanze che impattano pesantemente sulla clientela.

Non siamo un grande gruppo con alle spalle milioni di euro di capitale e centinaia di dipendenti, per il quale i clienti sono solo numeri da trasformare in utile di bilancio, siamo singole persone, piccoli sognatori che hanno deciso di scommettere sulla nostra Catanzaro e vivere il rapporto con la città in modo più umano, quasi familiare.
Siamo quelli che la mattina danno vita al corso, entrano per primi nei bar a prendere il caffè, accendono le vetrine, accolgono col sorriso i passanti, danno informazioni ai forestieri o gli indicano la posizione della gettoniera per i ticket delle strisce blu.

Il nostro modo di fare commercio guarda anche ma non solo al profitto, valorizza il lato umano, il cliente non resta solo uno scontrino.
Questa impostazione ci ha indotto a prendere in questo momento serio e delicato decisioni sofferte ma responsabili, a tutela della salute pubblica, della clientela, di noi stessi e dei nostri cari. Le nostre attività rimarranno chiuse per qualche giorno, è il nostro contributo alla guerra contro questo nemico infido e subdolo che si è insinuato nelle nostre vite e nella nostra quotidianità stravolgendo le abitudini.

Il corso forse sarà un pò più vuoto e triste ma almeno diminuiranno le occasioni di contagio. Ma alla fine signor Sindaco, quando riapriremo, ci troveremo di fronte a contratti da onorare, tributi da versare e canoni da pagare.

Per questo le chiediamo, in maniera accorata, sulla scorta di ciò che accade in ambito più generale, di farsi promotore di una moratoria dei canoni di locazione e dei tributi comunali, di concerto con le associazioni dei proprietari e l’amministrazione comunale.
Sarebbe per noi una piccola boccata d’ossigeno e insieme un simbolico gesto di riconoscimento al nostro responsabile sacrificio”.