Coronavirus, il sindaco di Taverna usa il pugno duro. “Tutti a casa”

È vietato il passeggio e la corsa podistica e qualsiasi attività fisica all’aperto, anche in bicicletta, sull’intero territorio comunale

Con l’ordinanza n.28 di oggi, 20 marzo 2020, resa necessaria dall’urgenza di provvedere ad adottare ulteriori misure tese a prevenire e contenere il rischio di contagio e dagli appelli a rimanere nelle proprie abitazioni disattesi da molti cittadini, il Sindaco di Taverna ha ordinato:

– La sospensione fino a nuove disposizioni di ogni attività di commercio su aree pubbliche del Comune di Taverna, da parte degli itineranti, dei venditori ambulanti, dei venditori porta a porta e tentata vendita, non residenti nel Comune di Taverna;

– È vietato circolare a piedi in due o più persone, fatta eccezione per i casi in cui si renda necessaria la presenza di un accompagnatore;

È vietato il passeggio e la corsa podistica e qualsiasi attività fisica all’aperto, anche in bicicletta, sull’intero territorio comunale;

– Le passeggiate sono ammesse singolarmente solo se prescritte dalle autorità sanitarie o dal medico di medicina generale in presenza di particolari patologie, condizione questa che dovrà essere comprovata mediante documentazione da esibire al momento del controllo da parte delle forze dell’ordine;

– Infine, sono ammesse le passeggiate con animali domestici, esclusivamente nel raggio di 100 metri dalla propria abitazione.