Coronavirus, Bankitalia dona altri 34 milioni: 75 posti terapia intensiva in Calabria

I soldi saranno spesi in particolare anche per l'acquisto di materiali e attrezzature per l'ospedale di Catanzaro

La Banca d’Italia incrementa le donazioni per contribuire al contrasto dell’emergenza Coronavirus con ulteriori 34 milioni di euro che si sommano ai 20,9 già stanziati per un totale di 55 milioni. Le risorse provengono dal fondo per le attività di beneficenza e le iniziative di interesse pubblico, le cui disponibilità sono stabilite annualmente dal Consiglio superiore dell’Istituto avvalendosi di una facoltà espressamente riconosciuta dallo Statuto. Le nuove erogazioni finanzieranno diversi progetti, individuati di concerto con le Autorità sanitarie regionali attraverso la Rete territoriale della Banca d’Italia. In particolare in Calabria, l’allestimento di 75 posti di terapia intensiva e per l’acquisto di materiali e attrezzature per l’ospedale di Catanzaro; in Emilia Romagna, l’allestimento di 25 posti letto di terapia intensiva presso l’ospedale di Rimini e per l’avvio di una ricerca epidemiologica sulle popolazioni a maggior rischio, In Liguria, l’allestimento di un nuovo padiglione covid-19 e di due laboratori scientifici presso l’ospedale San Martino di Genova, nelle Marche, la realizzazione di 100 posti letto di terapia intensiva nell’area di Ancona; in Piemonte, l’acquisto di attrezzature scientifiche e arredi per l’allestimento di un ospedale da campo a Torino; in Puglia, l’allestimento di strutture temporanee per la terapia intensiva per 48 posti letto complessivi presso gli Ospedali Perrino di Brindisi e Moscati di Taranto; in Sardegna, l’acquisto di attrezzature mediche e dispositivi di protezione individuale; in Sicilia, l’allestimento di 32 posti letto di terapia intensiva presso il Policlinico di Messina; in Toscana, l’allestimento di 51 posti letto di terapia intensiva nell’area di Massa e Carrara.