Quantcast

Il Comune sbaglia la targa di via Giangurgolo che diventa Giangiurgolo, Colacino: “Ridimu o Ciangimu?”

Enzo Colacino porta la maschera nei vari festival italiani: "Che non la sosteniate è risaputo ma che non conosciate il nome è vergognoso"

Enzo Colacino, da tempo riconosciuto come il Giangurgolo di Catanzaro, colui che ufficialmente porta in tutta Italia la Maschera della città nei vari festival carnascialeschi nazionali, proprio non ci sta e polemizza, come solo lui sa fare con l’Amministrazione Comunale e l’ufficio Toponomastica catanzarese. Sì perché è vero che hanno deciso di dare il nome del pittoresco personaggio, ormai noto ovunque per le sue caratteristiche e il costume giallorosso, ad una via del comune “Via Giangurgolo”, che anche Google Maps indica (senza commettere errori), ma la targa non corrisponde al nome esatto. Invece che Giangurgolo indica Giangiurgolo. Allora la richiesta di chi quella maschera la indossa con grande orgoglio arriva puntuale dalla sua pagina Fb: “Rimuovete quel cartello di località Barone e riposizionatelo con la scritta corretta“.

Colacino, però,non si limita ala richiesta, va oltre: “Che non sosteniate la Maschera Catanzarese nelle sue trasferte ai Carnevali di Acireale, Polignano a Mare, Modena, Verona, Novara, Chieri, Borghetto Santo Spirito-Loano, e da 5 anni al festival Nazionale delle Maschere a Parma, è ormai risaputo, ma che non sappiate neanche come si chiama la Maschera è vergognoso. Rimuovete quel cartello di località Barone e riposizionatelo con la scritta corretta. La Maschera con i colori giallorosso che io porto in giro per l’Italia si chiama GIANGURGOLO”.

https://www.facebook.com/EnzoColacino/posts/10156896505790894