Quantcast

Accusato di rapina aggravata, torna libero grazie alle foto che lo ritraggono in altro luogo

Accolte le tesi difensive del legale Alessio Spadafora

Le indagini difensive disposte dal suo legale, Alessio Spadafora, hanno consentito a Cosimo Berlingeri, classe 1972, di tornare libero dopo un periodo di detenzione al quale era stato condannato per il reato contestatogli di rapina aggravata. Secondo l’accusa l’uomo, il pomeriggio del 31 dicembre 2018, si era introdotto in un appartamento e, con la complicità di un’altra persona, avrebbe portato via dei gioielli. Scoperto sul fatto dal figlio della vittima del furto e dalla sua fidanzata, avrebbe ferito il ragazzo.

I due testimoni dell’accaduto, in due diversi rilievi fotografici, lo avevano individuato come presunto colpevole del fatto.

Oggi il rito abbreviato davanti al Gup.
In  un primo momento le  prove portate a sua discolpa, che consistevano in post di facebook in cui l’uomo veniva ritratto a casa della figlia a Crotone e la testimonianza stessa dei congiunti confliggevano con le parole stesse dell’indagato.
Sono stati gli approfondimenti voluti dalla difesa, a dimostrare che, ancorchè in alcuni punti le testimonianze potessero sembrare divergenti, in realtà  nel giorno e ora della rapina Berlingeri era effettivamente a casa della figlia a Crotone.

Da qui la decisione di oggi di rimettere l’uomo in libertà per non aver commesso il fatto