Appartamento del centro storico come base per lo spaccio di droga, la Squadra Volante arresta due uomini

Morchid Badr e Giuseppe Marino sono finiti in manette per aver ceduto la sostanza ad un diciannovenne

Uno scambio di droga avvenuto in pieno centro e alla luce del sole. Senza neanche preoccuparsi di poter essere visti. Ma la sicurezza ostentata dai due uomini, beccati nell’atto di scambiarsi della droga, è andata a scontrarsi con l’attenzione dei poliziotti della Squadra Volante della Questura di Catanzaro, agli ordini del vicequestore Giacomo Cimarrusti.

Ai poliziotti, durante al consueta attività di controllo del territorio non è sfuggito che due uomini,  nei pressi di una farmacia, si muovevano con fare circospetto.

Gli agenti della Questura di Catanzaro, guidata da Mario Finocchiaro,  senza farsi notare, hanno continuato ad osservarli, ed è così che non si sono fatti sfuggire il repentino gesto di uno dei due nel consegnare all’altro un piccolo involucro di plastica.

Gli agenti della Squadra Volante hanno così prontamente bloccato entrambi, identificandoli in un ventunenne di origini marocchine, Morchid Badr, e in un diciannovenne del luogo, al quale veniva sequestrato l’involucro appena ricevuto, contenente una dose di marijuana, ceduta verso pagamento di cinque euro.

Di più. I poliziotti hanno individuato, nei pressi del luogo dello scambio, un appartamento, riferibile a un catanzarese di 45 anni, Giuseppe Marino, trovato in casa, che veniva sottoposto a perquisizione, nel corso della quale venivano rinvenuti in tre involucri 170 grammi di sostanza stupefacente, della medesima tipologia e qualità di quella poco prima ceduta al 19enne.

Nello stesso appartamento che, con tutta evidenza, serviva da “base” dello spaccio, venivano, rinvenuti e sequestrati due bilancini di precisione, la somma in denaro di euro 45,00 in banconote di piccolo taglio, un coltello con tracce della sostanza in questione e due telefoni cellulari.

Le analisi di laboratorio effettuate dal Gabinetto Provinciale della Polizia Scientifica hanno certificato la natura dello stupefacente.

Alla luce di quanto accertato, gli Agenti della Volante procedevano all’arresto di Morchid Badr e di Giuseppe Marino per il reato in concorso di detenzione al fine dello spaccio e spaccio di sostanza stupefacente.

Su disposizione del P.M. di turno, i due sono stati posti agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.