Quantcast

Affaire commissioni, la Procura pensa ad una sorta di “saldo e stralcio” per alcune posizioni

L'idea sarebbe quella di far restituire le somme che sarebbero state percepite indebitamente facendo prevalere la tenuità del fatto

L’espressione non è di quelle propriamente giuridiche che si applica alle “cose del diritto”, ma rende bene l’idea. Saldo e stralcio. Rimborso di quanto sarebbe stato, secondo l’accusa, percepito indebitamente, e stralcio delle posizioni dal punto di vista processuale o di eventuali menzioni.

Sarebbe questa la proposta che arriva dalla Procura di Catanzaro per mettere una “pietra sopra” alla vicenda Commissioni, passata alla storia mediatica come Gettonopoli, almeno per alcuni consiglieri, non per tutti. Certamente non per quelli che hanno a loro carico altre accuse come quelle delle presunte assunzioni fittizie.

Una proposta, quella di far prevalere la tenuità del fatto, che non tutti gli indagati vorrebbero accettare. E questo, dal loro punto di vista per una serie di motivazioni, non solo di diritto ma anche di fatto.

Accettare una soluzione del genere infatti significherebbe non poter provare la loro innocenza e “mescolare” i termini di una vicenda che ha messo sotto accusa un intero sistema, quello delle commissioni consiliari, che pure è codificato in un regolamento.

L’innocenza va però provata in giudizio e d’altro canto questo avrebbe costi ben superiori a quelli dei reati contestati.

Valutazioni ovviamente soggettive che ognuno farà secondo ciò che ritiene più opportuno per sè, Non va però dimenticato che la vicenda Commissioni consiliari non si è svolta solo tra le stanze di Palazzo De Nobili e quelle della Procura di Catanzaro, ma è arrivata fin in televisione, provocando un polverone mediatico i cui effetti si sono riversati sull’intera città, oltre che alcuni consiglieri comunali hanno deciso di interrompere anzi tempo il loro mandato elettorale, se pur con motivazioni che prescindevano da quelle legate inevitabilmente all’inchiesta.

Tutte conseguenze che probabilmente sarebbe stato opportuno valutare in una fase preliminare e che oggi creano un imbuto.