Palazzo Ferlaino, sede del tribunale ordinario e di sorveglianza, sanificato

resi idonei anche i locali che ospitano gli uffici del Giudice di pace

Questa mattina si è proceduto a sanificare i locali del Palazzo di giustizia “Ferlaino” in Catanzaro -che ospitano il Tribunale Ordinario ed il Tribunale di Sorveglianza– e gli immobili che ospitano l’Ufficio del Giudice di pace circondariale.

L’intervento, richiesto dai presidenti dei due tribunali, Giuseppe Valea e Laura Antonini, e dal dirigente amministrativo Antonio Chiefalo, non si è reso necessario per l’emergere di alcuna situazione di criticità o concreto rischio bensì solo in via precauzionale e preventiva oltre che per l’opportunità di assicurare un ambiente di lavoro, almeno per ora, “covid-free”. L’obbligo della decontaminazione degli ambienti, difatti, scatta solo nel momento in cui si verifichi un caso di contagio interno.

Un ringraziamento, evidenziano fonti del tribunale, va ai Vigili del Fuoco di Catanzaro che, con il Comandante provinciale Fabio Cuzzocrea, hanno eseguito l’attività con magistrale scrupolo e senza spese per l’Amministrazione Giustizia.

Nonostante le notizie riferite ai contagi in Calabria siano prudentemente ottimistiche, sottolineano dal tribunale, l’attenzione per la grave situazione epidemica resta alta e la “macchina” è in costante attività. Oltre all’attivazione delle necessarie cautele per tutto il personale e per gli utenti (mascherine, igienizzante, corner front-office, provvedimenti organizzativi dedicati, etc) in questi giorni si sta difatti provvedendo a verificare le possibilità di accensione in sicurezza dell’impianto di raffrescamento in vista dell’arrivo delle temperature alte.