Quantcast

Fdc: Angotti e Lostumbo, “Azienda sbilanciata su Cosenza e provincia”

errovie della Calabria la smetta di fare orecchie da mercante e presti ascolti all'utenza e ai suoi lavoratori

“La dirigenza delle Ferrovie della Calabria si occupi anche del territorio catanzarese chiudendo con la lunga e improduttiva pagina di sbilanciamento verso le zone del Cosentino”. Lo hanno affermato i consiglieri comunali di Forza Italia, Antonio Angotti e Rosario Lostumbo. “Ci appelliamo alla presidente della Regione, Jole Santelli, nonché all’assessore regionale Catalfamo, perché si ponga fine a un processo di marginalizzazione messo in atto dalla dirigenza di un’Azienda che dovrebbe essere leader e punto di riferimento nel sistema di trasporto pubblico locale calabrese”.  Accompagnati da alcuni dipendenti, Angotti e Lostumbo hanno svolto un sopralluogo all’interno della stazione di via Milano, a Catanzaro.

“I lavoratori che ci hanno chiesto di verificare le condizioni di una stazione simbolo, nella quale il grande piazzale degli autobus versa in totale degrado e pieno di rifiuti, i servizi del personale sono pietosi, non hanno mancato di mostrarci l’obsolescenza, al limite della chiusura. Ci riferiscono, inoltre, di un’officina che in altri tempi era il fiore all’occhiello delle Ferrovie e che, adesso, viene completamente dimenticata da una dirigenza che sembrerebbe fortemente orientata a proteggere e tutelare in particolare Camigliatello e Lorica”. Angotti e Lostumbo hanno inoltre sottolineato che “sarebbe quanto mai necessario riattivare la tratta fra il centro di Catanzaro e il suo quartiere Lido, chiusa ormai da marzo. È un servizio essenziale per la mobilità del capoluogo che non può più rimanere sospeso adesso che l’emergenza coronavirus è diminuita e in tutta la regione non si contano più le riaperture e riattivazioni di servizi di trasporto pubblico importanti come questo di Catanzaro. Ferrovie della Calabria – hanno concluso – la smetta di fare orecchie da mercante e presti ascolti all’utenza e ai suoi lavoratori”.