Quantcast

Cumuli di rifiuti nel Porto di Catanzaro, sempre la stessa storia foto

Tra le segnalazioni fatte negli anni, situazioni mai risolte. Il degrado continua a stridere con la bellezza del paesaggio

E’ sempre la stessa storia, ci sono luoghi in città che convivono puntualmente  con situazioni di degrado, sporcizia e abbandono. Nel caso del Porto di Catanzaro le segnalazioni, negli anni, sono state quasi sempre le stesse e alcune mai risolte. Oggi chi decide di fare una passeggiata sul molo, proprio al suo ingresso, trova ammassi di rifiuti che stridono con uno dei panorami tra i più suggestivi, fotografati e postati sui social della costa catanzarese.

A chi spetta occuparsi di quelle pile di rifiuti abbandonati un po’ da tutti e segnalati anche dagli stessi marinai? Cestini colmi di rifiuti di ogni genere, sacchi, scatoloni, bidoni, ferraglia di vario tipo: questo è quello che accoglie cittadini e turisti che percorrono quel tragitto per acquistare pesce, fare due passi o salpare con il battello, che partendo dal Porto di Catanzaro e toccando la costa di Soverato, permette di ammirare dal mare l’incantevole golfo di Squillace.

Tra le segnalazioni fatte negli anni a cui mai è stato dato seguito, il cumulo di detriti abbandonati a seguito del rifacimento del piazzale. Le piastrelle rimosse sono sempre lì, belle in vista, insieme ad altri rifiuti. L’inciviltà di chi abbandona in questi spazi rifiuti di ogni tipo non può essere tollerata, ma un intervento di ripulitura, per una città a vocazione turistica, dovrebbe anche essere costante. Il porto del capoluogo è un luogo suggestivo e strategico per il turismo locale, averne cura e rispetto è responsabilità di cittadini e istituzioni.