Quantcast

Catanzaro, assolto dall’accusa di spaccio di droga Vincenzo Borromeo

Il Collegio ha accolto l’atto di appello del difensore del giovane, Antonio Ludovico

La Corte di Appello di Catanzaro ha assolto dal reato di detenzione di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio, riformando la sentenza di primo grado del Tribunale di Catanzaro che lo aveva condannato a mesi 4 di reclusione ed euro 1400,00 di multa, Borromeo Vincenzo perché il fatto non è previsto dalla legge come reato.

Il Collegio ha accolto l’atto di appello del difensore del giovane, Antonio Ludovico, il quale aveva sostenuto che la sostanza stupefacente rinvenuta nella disponibilità del proprio assistito, pur superando i limiti tabellari fosse destinata ad uso personale e che il Tribunale avesse ritenuto la responsabilità in capo al Borromeo senza che fossero emersi univocamente indici sintomatici della finalità di spaccio.

Difatti, il dato quantitativo esiguo risultava certamente compatibile con l’uso personale, così come le modalità di rinvenimento della sostanza (consegnata dallo stesso giovane agli agenti operanti) e con l’incensuratezza dell’imputato.